Navigation Menu
YAOTOU

YAOTOU

Il villaggio della terracotta

maggio 172017

A poco più di due ore a nord di Xi’an, nella contea di Chengcheng e in uno dei depositi di loess più estesi del pianeta, si trova una delle più importanti aree per la produzione di terracotta.

Vai alla scheda»
CHENJIAGOU

CHENJIAGOU

La culla del Tai Chi

aprile 272017

Chenjiagou (陈家沟) è considerato il luogo di nascita del Tai Chi. Per secoli, i grandi maestri di Tai Chi Chuan sono nati in questo villaggio agricolo che oggi conta 3 mila anime e che si trova nella provincia dello Henan.

Vai alla scheda»
ZHANGYE DANXIA

ZHANGYE DANXIA

Le Montagne Colorate patrimonio Unesco

aprile 42017

Le “Montagne Colorate” (o “Montagne Arcobaleno”) che si trovano all’interno dello Zhangye Danxia Landform Geological Park (张掖丹霞国家地质公园) sono una delle grandi meraviglie geologiche del pianeta.

Vai alla scheda»
WUYISHAN

WUYISHAN

La catena montuosa patrimonio Unesco

marzo 192017

I Monti Wuyi (武夷山) si trovano lungo il confine fra le province di Fujian e Jiangxi, 200 chilometri a nordovest di Fuzhou, e coprono una superficie di 60 chilometri quadrati. Da molti paragonata a Guilin, l’area presenta alcuni siti di interesse naturalistico e circa un centinaio di edifici antichi legati alla tradizione buddhista, confuciana e taoista.

Vai alla scheda»
CIZHONG

CIZHONG

L'enclave cattolica alle porte del Tibet

marzo 182017

C’è una storia molto suggestiva che riguarda questo angolo di Yunnan, al confine con il Tibet. E’ quella del villaggio di Cizhong e della sua chiesa costruita da missionari francesci e svizzeri a fine ‘800.

Vai alla scheda»
YUMBULAGANG

YUMBULAGANG

La fortezza dei re tibetani

marzo 152017

E’ un’antica fortezza situata nella valle del fiume Yarlung Tsangpo nel Tibet meridionale, circa 192 chilometri a sud di Lhasa. La leggenda vuole sia stato il primo edificio ad essere costruito in Tibet per fungere da residenza del primo re tibetano Nyatri Tsenpo (127 a.C-?). Fu poi scelto come dimora estiva dal 33esimo re Songsten Gampo  (604-650) e dalla sua consorte cinese Wencheng (nipote dell’imperatore Tang Taizong), fintanto che i due non si trasferirono stabilmente a Lhasa. Sotto il quinto Dalai Lama (1617-1682), Yumbulagang fu infine convertito in monastero dalla scuola buddhista dei Berretti Gialli. Oggi è prevalentemente dedicato al culto del Buddha Shakyamuni.

Vai alla scheda»
MONTE LAOJUN

MONTE LAOJUN

L'antico rifugio di Laozi

marzo 72017

A 150 chilometri sud-ovest dalla città di Luoyang si trova una delle destinazioni turistiche più popolari dello Henan: il monte Laojun (老君山), fondato sotto i Wei Settentrionali (386-534) e noto fino al regno di Taizong dei Tang (599 – 649 d.C.) come Jingshishan (景室山). Il luogo è conosciuto per il suo patrimonio culturale taoista, dal momento che è stato il rifugio di Laozi, grande filosofo cinese e fondatore del Taoismo. Situato a un altezza di 2.217 metri slm, costituisce la vetta più alta della catena Funiu (伏牛山) e deve la sua nascita all’orogenesi collisionale avvenuta 1,9 miliardi di anni fa.

Vai alla scheda»
IL TEMPIO XUANKONG

IL TEMPIO XUANKONG

Il Monastero sospeso a 75 metri di altezza

marzo 62017

Il Tempio sospeso o Monastero sospeso o Tempio Xuankong (悬空寺) è un tempio costruito su una rupe a 75 metri di altezza, vicino al Monte Heng nella Contea di Hunyuan, nei pressi di Datong (大同), nella provincia dello Shanxi.

Vai alla scheda»
LUOYANG

LUOYANG

Una delle sette antiche capitali cinesi

marzo 32017

Localizzata nella pianura centrale cinese, attraversata dal fiume Luo, Luoyang (洛阳市) è una delle sette antiche capitali cinesi. La città originale fu costruita nel XI a.C.: e prese il nome di Chengzhou, anche se già nel V millennio a.C. è stata un centro di comunità protoagricole,e verso il III millennio a.C. la piana subì un forte popolamento.

Vai alla scheda»
IL MONASTERO DI ZEZHOL

IL MONASTERO DI ZEZHOL

La culla dell'animismo tibetano

febbraio 212017

E’ uno dei principali e meglio preservati monasteri dell’antica religione tibetana Bon. Arroccato sul monte Zezhol – una delle quattro montagne sacre secondo il culto animista, assieme ai monti Gangdise (Ngari), Benri (Nyingchi) e Meili (nella provincia dello Yunnan) – si trova nella contea Dengqen (丁青县), prefettura di Qamdo, nella Regione Autonoma del Tibet. In tibetano Zezhol (Zizhusi 孜珠寺 in cinese) significa “sei picchi”, chiaro riferimento non solo alla conformazione rocciosa circostante ma anche alle sei perfezioni del buddismo (pāramitā): generosità, moralità, pazienza, vigore, meditazione e saggezza.

Con 3.000 anni di storia alle spalle, la struttura originaria è stata ricostruita intorno alla metà del XIV secolo dal monaco Zengrenkangzhu, completamente distrutta durante la Rivoluzione Culturale e infine ristrutturata negli anni ’80. La leggenda vuole che una volta il Buddha Amitabha, salito sul monte Zezhol per predicare, avesse pronosticato una crescente influenza del monastero nello sviluppo della religione autoctona tibetana. Addirittura, secondo quanto raccontano i sutra, un tempo Zezhol fu scelto dal Bodhisattva Avalokitesvara come dimora.

Quattro collegi buddhisti, istituiti per volere dell’abate (nonché 43esimo Buddha vivente) mettono a disposizione della comunità locale – composta da circa 200 monaci – diversi insegnamenti: studio delle sacre scritture buddhiste, del Bon e alcune forme avanzate di Yoga. Ogni anno, da metà luglio a fine agosto, si tengono danze sacre e la pratica del Pūjā, forma di adorazione rituale che si svolge all’alba e al tramonto attraverso la recitazione delle scritture e un periodo di meditazione comune. Il monastero è inoltre famoso per una danza di gruppo (chiamata “Paradiso e Inferno” (天堂与地狱), praticata ogni dodici anni. Il rituale, effettuato semisvestiti, rappresenta il giudizio di Yama, dio della morte, ovvero il momento in cui il “giudice supremo” dispensa di volta in volta il castigo o la ricompensa per i mortali a secondo della condotta e delle opere compiute in vita.

Il Bön è un’antica religione del Tibet e del Nepal, diffusa anche in alcune aree dell’India, del Bhutan e nelle province cinesi del Sichuan, del Gansu e dello Yunnan. Ha raggiunto la sua massima diffusione nell’area himalayana e subhimalaiana nel VII secolo dopo Cristo. Dopo la diffusione del buddhismo in Asia, si è mescolato con quest’ultimo e oggi sopravvive in una serie di rituali e di usanze considerate compatibili con il buddhismo stesso.

 

 

NOME CINESE: 孜珠寺
POPOLAZIONE: 200
ALTITUDINE: 4.800 metri slm
BIGLIETTO DI INGRESSO: 30 rmb
ORARIO: 8.00-19.00
COME ARRIVARE: dalla stazione di Chamdo (昌都市) prendere il bus giornaliero che parte alle 8.20, (100 rmb, 7 ore) fino a Dengqen (丁青县), poi proseguire in taxi per circa 3 ore fino al tempio.
MIGLIOR PERIODO PER UNA VISITA: giugno-agosto

 

Vai alla scheda»
WANFENGLIN

WANFENGLIN

La Foresta dei Diecimila Picchi

febbraio 82017

Wanfenglin (万峰林, la Foresta dei 10000 picchi), si trova a 6 km dalla città di Xingyi, nella Prefettura autonomia Bouyei e Miao nel Guizhou, ed è l’attrazione principale della Maling River Canyon national scenic area. 

Vai alla scheda»
LONGCHUAN

LONGCHUAN

Il villaggio del clan Hu

febbraio 22017

Circondato da alte montagne, Longchuan (龙川村) si trova 11 chilometri dalla città di Xuancheng e 75 chilometri dalla città di Huangshan, nata per supportare l’industria turistica sorta intorno alle omonime montagne. Bellezze paesaggistiche e siti storici fanno di Longchuan una delle mete più rinomate dello Anhui. Le abitazioni sono realizzate nello stile architettonico Huizhou, fiorito sotto la dinastia Song (960 al 1279) lungo il fiume Yangtze e caratterizzato dalla presenza di lucernari, oltre a decorazioni in pietra, legno e mattoni.

Da migliaia di anni il villaggio ospita la famiglia degli Hu, compreso il ramo dell’ex presidente Hu Jintao, e a ha dato i natali a un numero insolito di letterati. Particolarità che le è valso il soprannome di jinshi cun (进士村), “villaggio degli studiosi”. Un padiglione in onore del clan Hu (胡氏宗祠) fu costruito nel 1547 e ristrutturato nel 1878. L’edifico, che occupa una superficie di 1.727 metri quadrati, presenta minuziose decorazioni interne e pregevoli sculture in legno. Una struttura indipendente commemora il ricordo di Hu Zongxian, divenuto “shaobao” (alta carica statale) durante la dinastia Ming dopo aver sconfitto i pirati giapponesi.

Caratteristica di Longchuan è la Water Street, uno stretto canale – alimentato dal fiume Dengyuan (登源河) che si estende per circa 500 metri. La sponde, pavimentate in granito, vengono spesso utilizzate dagli abitanti per fare il bucato e stendere i panni. Il villaggio ospita, in oltre, il più bell’arco in pietra di tutto lo Anhui. Eretto nel 1562, l’Yishi Memorial Arch (奕世尚书坊) è alto 10 metri e largo 9. Come si evince da due iscrizioni, l’arco è stato innalzato in onore di Hu Zongxian e Hu Fu, un altro illustre membro della famiglia Hu. Sempre Hu Zongxian sembra aver ispirato la costruzione del tempio Lingshan (灵山庵) – dedicato a Buddha e Avalokitesvara, il bodhisattva della grande compassione – che la leggenda vuole sia sorto nel luogo dove da giovane l’ufficiale si esercitava nelle arti marziali, a circa 30 chilometri dal borgo.

Con un’economia sostanzialmente agricola, l’area intorno a Longchuan è nota – oltre che per il tè -per la produzione della carta, realizzata attraverso la lavorazione di un particolare tipo di erba chiamata longxu (龙须), reperibile sulle montagne da cui prende il nome. Il processo di fabbricazione è osservabile presso un laboratorio (龙草澄心) aperto alle visite turistiche.

Un’escursione non può dirsi completata senza l’assaggio di alcune specialità locali. Oltre ai normali ristoranti, l’area offre una serie di agriturismi che si avvalgono ancora dei tuzao (土灶), tradizionali forni a legna. Tipici del posto sono il chougui yu (臭鳜鱼), pesce locale molto saporito, il maodofu (毛豆腐), un tipo di dofu fermentato, e i ravioli di Jixi (绩溪蒸饺), la contea in cui sorge Longchuan.

 

NOME CINESE: 龙川村
POPOLAZIONE: 2.250.
ALTITUDINE: 212 metri slm
BIGLIETTO DI INGRESSO: libero.
COME ARRIVARE: Prendere un treno superveloce dalla Huangshan North Railway Station alla Jixi North Railway Station (19 minuti, 19-30 rmb). Da qui proseguire per 20 minuti con un bus della linea 6 fino in partenza ogni 20 minuti.
MIGLIOR PERIODO PER UNA VISITA: in primavera per ammirare la fioritura delle azzalee (杜鹃).

 

 

Vai alla scheda»
QINGYAN

QINGYAN

L'antico borgo in pietra azzurra

gennaio 202017

Qingyan (青岩古镇) è uno dei quattro antichi borghi del Guizhou (insieme a Zhenyuan, Bingan e Longli) e sorge 20 chilometri a sud della capitale provinciale Guiyang (circa 50 minuti di macchina). Con un’estensione di 3 chilometri quadrati, il villaggio fu costruito in prima battuta durante il regno di Zhu Yuanzhang, primo imperatore della dinastia Ming (1368–1644), per ragioni militari come base d’appoggio per un esercito permanente. Ma nel corso degli anni ha subito diverse ristrutturazione e ammodernamenti assorbendo elementi dell’architettura di epoca Qing (1644 – 1911).

Vai alla scheda»
WUSONG

WUSONG

L'isola dei "fiori di ghiaccio"

gennaio 132017

L’isola di Wusong (雾凇) si trova nella contea di Tuchengzi, provincia del Jilin. Sorge lungo il tratto centrale del fiume Songhua, passante per la cittadina mancese di Wulajie (乌拉街), e copre una superficie di 0,25 chilometri quadrati. Wusong è nota sopratutto per i suoi paesaggi invernali caratterizzati dalla luccicante brina che adorna i rami dei salici e dai fiori di ghiaccio, prodotti dalla differenza tra la temperatura del suolo, delle piante e delle rocce ancora “calda”, e quella dell’aria al di sotto dello zero.

Vai alla scheda»
LONGJING

LONGJING

Dove si produce il miglior tè verde cinese

gennaio 92017

Il villaggio di Longjing è situato sul lato sud-occidentale del Lago dell’Ovest, si trova a circa 15 km da Hangzhou. Qui e nelle zone limitrofe si produce il Longjing o West Lake Dragon Well (龙井/龍井) che è probabilmente il più famoso tè verde cinese. 

Vai alla scheda»
GUOLIANG

GUOLIANG

Il villaggio del tunnel eroico

dicembre 262016

Prima della costruzione del tunnel era quasi impossibile arrivare al villaggio di Guoliang, circondato da alte montagne, nella provincia dello Henan. Per facilitare l’accesso al villaggio, nel 1972 tredici volenterosi abitanti, guidati da Shen Mingxin, decisero di compiere l’impossibile iniziando a costruire un tunnel sul fianco della montagna.

Vai alla scheda»
QINZHOU

QINZHOU

La capitale delle ostriche

dicembre 262016

La città di Qinzhou si trova nel sud della provincia autonoma del Guangxi, di fronte al Golfo di Beibu (meglio conosciuto come Golfo di Tonchino). La zona è famosa per i suoi allevamenti di ostriche, tra i più celebrati del Paese per la qualità di questi preziosi molluschi. Ogni anno si tiene l’Oyster Gourmet Festival.

Vai alla scheda»
108 DAGOBA

108 DAGOBA

Le pagode buddhiste sul Fiume Giallo

dicembre 212016

C’è chi le chiama pagode, chi stupa, chi dagoba (in cinese Qingtongxia 青铜峡108塔). Quello che è certo è che sono 108, disposte su 12 file a formare un perfetto triangolo che domina il Fiume Giallo.

Vai alla scheda»
XIAPU

XIAPU

Un paradiso per i fotografi

dicembre 132016

Xiapu (霞浦) è una contea della provincia meridionale del Fujian, lungo la costa che affaccia sul Mar Cinese Orientale, nota per i suoi paesaggi mozzafiato. Specie all’alba e al tramonto, quando il sole si riflette sulla pianura paludosa (霞浦泥滩) – la più grande del Paese – creando giochi di luce grazie alla scia lasciata dalle imbarcazioni dei pescatori. Una caratteristiche che le è valso il primo posto nella  “Top 10 Paradises for Photographers” stilata dalla rivista cinese CHIP FOTO-VIDEO.

Vai alla scheda»
STATUE DI DAZU

STATUE DI DAZU

Le 50 mila statue patrimonio Unesco

dicembre 112016

Le statue di Dazu (大足石刻) sono una serie di sculture religiose risalenti all’epoca della dinastia Tang (VII secolo d.C.) e che si trovano nelle grotte disseminate nella colline intorno a Dazu, nei pressi di Chongqing. La migliore collezione si trova a Baoding Shan, all’interno di un complesso che conta 30 grotte.

Vai alla scheda»
HUANGYAO

HUANGYAO

L'antica città di Huang e Yao

dicembre 82016

A 200 km da Guilin, lungo il corso del fiume Li (contea di Zhaoping), troviamo questa cittadina che vanta mille anni di storia. Nata sotto la Dinastia Song, si sviluppò durante la Dinastia Ming, e visse gli anni di maggior splendore durante la Dinastia Qing. Il nome Huangyao (黄姚古镇) deriva dal fatto che in questo antico borgo i cognomi della maggior parte degli abitanti erano proprio Huang e Yao.

Vai alla scheda»
HARBIN

HARBIN

La città del Festival internazionale del Ghiaccio

dicembre 32016

Harbin ( 哈尔滨) sorge sul fiume Songhua ed è il capoluogo della provincia dello Heilongjiang, in Manciuria, nella Cina nordorientale. L’inverno ad Harbin è molto rigido, con temperatura media a gennaio intorno ai -20 °C e minime anche inferiori ai -40 °C.

Vai alla scheda»
XIAHE

XIAHE

Il Monastero di Labrang

dicembre 22016

Situata a quasi 3 mila metri di quota ai bordi dell’altopiano tibetano, Xiahe (夏河), ospita il monastero di Labrang (拉卜楞寺), uno dei sei maggiori monasteri fuori dai confini del Tibet, nonché la più grande struttura buddhista dell’Amdo, seconda per importanza soltanto a quella di Lhasa (capitale del Tibet storico). Labrang appartiene alla scuola religiosa dei Gelugpa, conosciuta col nome di “Berretti Gialli” (lignaggio fondato nel XIV secolo dal lama tibetano Tsongkhapa), il cui capo supremo è il Dalai Lama.

Vai alla scheda»
LUSHAN

LUSHAN

Il Parco Nazionale patrimonio Unesco

dicembre 12016

Il parco nazionale del Lushan (庐山第四纪冰川国家地质公园, letteralmente “geoparco nazionale della glaciazione quaternaria del Lushan”) è un parco nazionale che si trova sul Monte Lushan, nella provincia di Jiangxi. Si estende su di una superficie di 500 chilometri quadrati.

Vai alla scheda»
YAN’AN

YAN’AN

La Mecca del Partito Comunista

novembre 292016

Yan’an (延安), città dello Shaanxi nord-orientale, è famosa per essere stata il punto di arrivo della Lunga Marcia e centro principale del Partito Comunista Cinese tra il 1935 ed il 1948.

Vai alla scheda»
TIANJIN

TIANJIN

La metropoli sede della Concessione italiana

novembre 282016

Tianjin (天津, letteralmente “guado del fiume del paradiso”), conosciuta anche come Tientsin, è una delle quattro municipalità della Repubblica Popolare Cinese.

Vai alla scheda»
LUOSHUI

LUOSHUI

L'ultimo villaggio delle donne

novembre 242016

Luoshui (落水) è un villaggio della provincia sud-occidentale dello Yunnan, nella contea di Ninglang. Sorge sulle sponde del lago Lugu (泸沽湖) ed è diviso in due parti: nella sezione occidentale presenta costruzioni perlopiù basse e antiche, in quella orientale, maggiormente turistica, vi sono edifici più alti e moderni. Le abitazioni hanno tutte una struttura lignea che assicura una temperatura fresca in estate e resiste bene in caso di terremoto. La popolazione locale è di 3259 persone, di cui 3196 impiegati nell’industria agricola.

Il villaggio è conosciuto soprattutto per il piccolo gruppo etnico dei mosuo (摩梭, mósuō) che vi risiede. Con una popolazione complessiva di circa 50.000 individui, sparsi tra Yunnan e Sichuan, si tratta di un’etnia formatasi localmente in seguito ad una massiccia migrazione dal Tibet attorno all’anno 1000. Un’altra parte dei nuovi arrivati avrebbe invece proseguito più a sud sino all’attuale Lijiang, dove si è cristallizzata a formare l’etnia Naxi. Dopo molti secoli, i due gruppi hanno sviluppato una notevole differenza etno-linguistica, sebbene per la classificazione in uso nella Repubblica Popolare Cinese l’etnia Mosuo appartenga allo stesso gruppo dei Naxi. L’origine spiega il motivo per cui, oltre a praticare l’antico culto animista daba (达巴教), i mosuo seguono sopratutto il buddhismo tibetano.

 

La cittadina è nota come il “villaggio delle donne”, vantando una delle ultime organizzazioni sociali matriarcale e matrilineari. Ogni componente di ciascun clan prende il nome della donna più anziana, la madre del clan, che viene normalmente affiancata dal fratello nella gestione degli affari esterni. I nomi, come la proprietà della casa e della terra, sono esclusivamente ereditati dalla stirpe femminile; soltanto il potere politico rimane nelle mani degli uomini. La scelta del partner avviene durante le danze in onore della dea dell’Amore. I prescelti hanno il diritto di andare a trovare le donne nella propria camera da letto la notte stessa, salvo poi lasciarla all’alba, una pratica conosciuta in cinese come zou hun (走婚). Questo presuppone, infatti, che le donne e gli uomini vivano ognuno per conto proprio con il clan di origine. A prendersi cura dei nipoti sono invece i fratelli delle ragazze, a cui è affidata la paternità sociale dei bambini.

A causa delle abitudini sessuali disinvolte, per molto tempo le mosuo sono state dipinte come libertine. In realtà, anche se in teoria la tradizione prevede che le donne possano cambiare compagno a proprio piacimento, alcuni studi antropologici rivelano che la tendenza più diffusa è quella della “monogamia seriale”, che consiste nel mantenere una relazione stabile con una persona per molto tempo. A volte per tutta la vita.

Di Luoshui si parla dettagliatamente in “Il Regno delle Donne” (edito da Nottetempo, 2013), un resoconto del medico e fotoreporter argentino Ricardo Coler che ha vissuto nel villaggio per diversi mesi, studiando le tradizioni mosuo.

 

NOME CINESE: 落水
SUPERFICIE: 55,60 kmq
POPOLAZIONE: 3.259
ALTITUDINE: 2.700 metri slm
COME ARRIVARE: il lago Lugu dista 200 chilometri da Lijiang. Ogni mattina alle 8:00 partono dei pulmini dalla Lijiang Red Sun Square (麗江民主路紅太陽廣場) che impiegano 6 ore a raggiungere il lago (70 rmb). Il percorso prevede una tappa nella cittadina di Ninglang, a circa 3 ore di minibus dal lago. Qui eventualmente è possibile fare un cambio di mezzo.
MIGLIOR PERIODO PER UNA VISITA: in estate. La temperatura media annua è di 9,3° C.

 




Booking.com


Vai alla scheda»
BASHA

BASHA

L'ultima tribù di uomini armati

novembre 232016

Un villaggio dove il tempo si è fermato e la modernizzazione è rimasta a qualche chilometro di distanza. Sembra quasi di stare sul set di un film d’epoca quando si arriva a Basha (芭莎苗寨): si viene accolti all’ingresso del paese da uomini armati di lunghi fucili tradizionali che sparano in aria per dare il benvenuto ai visitatori. E i fucili sono presenti ovunque, dal momento che quella di Basha (come recita un’insegna in legno all’entrata del paese) è l’ultima tribù di uomini armati rimasta in Cina. E, a quanto pare, legale. 

Vai alla scheda»
BINGLING

BINGLING

Le grotte della statua gigante di Maitreya

novembre 212016

Le grotte del Tempio Bingling (炳灵寺石窟 Bǐnglíng Sì shíkū) sono un complesso monumentale di grotte artificiali e sculture in pietra che formano un tempio buddhista nel Gansu, lungo il canyon sul Fiume Giallo a Liujiaxia.

Vai alla scheda»
YUCHANG LOU

YUCHANG LOU

Il tulou "pendente" da 700 anni

novembre 192016

Yuchang Lou (裕昌楼) è un tulou a cinque piani situato nel paese di Shuyang, nella contea di Nanjing. Costruito nel 1308 dal clan dei Liu, è uno dei più antichi e più alti tulou presenti in Cina. Yuchang Lou è stata soprannominato l'”edificio a zig-zag”, in quanto alcune colonne in legno portanti risultano inclinate per un errore di progettazione.

Vai alla scheda»
CUANDIXIA

CUANDIXIA

Il piccolo villaggio Ming

novembre 182016

Cuandixia 爨底下 (o Chuandixia 川底下) sorge nel distretto occidentale di Mentougou, arroccato sulle montagne a 90 chilometri dalla capitale. Una caratteristica per la quale è noto come il “Potala di Pechino”. Il villaggio è stato costruito in epoca Ming (1368–1644) dal clan degli Han, una famiglia originaria dello Shanxi oggi alla 17esima generazione. Ha poi continuato a prosperare in epoca Qing (1644–1912) grazie al commercio di carbone, pellicce e cereali.

Vai alla scheda»
FENGHUANG

FENGHUANG

La pittoresca città della Fenice

novembre 182016

L’antica città di Fenghuang (凤凰县) si trova nella parte occidentale della provincia dello Hunan, nella prefettura autonoma Tujia e Miao di Xiangxi. Fenghuang in cinese significa “Fenice”, il mitico uccello del buon auspicio e della longevità che in Cina rappresenta uno dei quattro esseri soprannaturali detti sishen, insieme alla tartaruga, al drago e alla tigre, corrispondenti alle quattro classificazioni date agli animali in epoca Han (206 a.C. – 220 d.C.). 

Vai alla scheda»
HEMU

HEMU

Il villaggio della minoranza di origine russa

novembre 182016

A 1.400 metri di altitudine isolato dal mondo, il villaggio Hemu della minoranza Tuwa sulle rive del lago Kanas è uno dei posti più autentici che potete visitare in Cina, tanto da essere stato eletto tra i sei più bei villaggi cinesi dal China National Geography Magazine

Vai alla scheda»
KARAMAY

KARAMAY

La città delle tempeste di sabbia

novembre 172016

Karamay (克拉玛依, in pinyin Kèlāmǎyī) è una città-prefettura dello Xinjiang settentrionale, a 230 chilometri dal confine con il Kazakistan. Deve il suo nome (“olio nero” in uiguro) ai giacimenti scoperti nell’area negli anni ’50, che l’hanno resa la città più ricca di tutta la Cina in termini di Pil pro capite, secondo dati del 2012. Un primato raggiunto in parte grazie alle piccole dimensioni del nucleo abitativo il cui perimetro è percorribile in bicicletta nell’arco di un’ora. 

Vai alla scheda»
KORLA

KORLA

La città lungo il fiume Kaidu

novembre 162016

Korla, o Kuerle in mandarino (库尔勒), è una città del Xinjiang centrale, capitale della prefettura di Bayin’gholin Mongol, la più grande della Cina estesa grossomodo quanto la Francia. La popolazione locale comprende 23 diverse etnie, di cui le minoranze (i non-Han) compongo il 30,1% del totale. 

Vai alla scheda»
LIQIAN

LIQIAN

Il villaggio degli antichi legionari romani

novembre 162016

Liqian o Lǐ-Chien (骊靬) è un’ex contea nella provincia settentrionale di Gansu. L’antica città di Liqian è situata in un villaggio oggi chiamato Zhelaizhai. Nel XX secolo lì nacque una teoria secondo la quale gli abitanti discendono da antichi legionari romani sfuggiti al massacro seguito alla disfatta nella battaglia di Carre (nella Turchia orientale), quando alcune legioni, guidate da Marco Licinio Crasso vennero distrutte dall’esercito dei Parti nel 53 a.C. Da allora sono state condotti diversi studi, anche genetici.

Vai alla scheda»
TIANCHI

TIANCHI

Il lago celestiale del Tianshan

novembre 152016

Tianchi (天池) è un lago nella provincia dello Xinjiang, sulle montagne della catena del Tianshan. Il nome significa in cinese “lago celestiale”, in relazione alla sua bellezza. Si trova alla base del versante nord del picco Bogda, circa 110 km a est della città di Ürümqi.

Vai alla scheda»
KIZIL

KIZIL

Le grotte dei mille Buddha

novembre 152016

Le grotte di Kizil (chiamate anche grotte Qizil; 克孜尔千佛洞, “grotte di Kizil dei mille Buddha”) sono un complesso di 236 grotte buddhiste scavate nella roccia situate nei pressi di Kizil (克孜尔乡) nella contea di Baicheng, Xinjiang, Cina. Il sito si trova sulla sponda settentrionale del fiume Muzat, 75 km a nord-ovest di Kucha. Quest’area fu uno snodo commerciale della Via della Seta.

Vai alla scheda»
YANMENGUAN

YANMENGUAN

Il Passo dell'Oca Selvatica

novembre 152016

Yanmenguan (雁门关), noto anche come Xixingguan (西 陉 关) è il nome di un grande passo della Grande Muraglia cinese, soprannominato Passo dell’Oca Selvatica. Situato nella contea di Xinzhou, nello Shanxi, Yanmenguan è stato costruito durante dinastia Ming.

Vai alla scheda»
ZHENBEITAI

ZHENBEITAI

La più grande torre di guardia della Grande Muraglia

novembre 152016

Zhenbeitai (镇北台), conosciuto come la “Prima Torre della Grande Muraglia”, è la più grande torre di guardia lungo la Grande Muraglia. E’ stato costruito nel 1607 durante la dinastia Ming. La torre consiste di quattro livelli ed ha una altezza di circa 30 metri.

Vai alla scheda»
JIANKOU

JIANKOU

La sezione di Muraglia più selvaggia

novembre 152016

Jiankou (箭扣) è una sezione della Grande muraglia cinese che si trova nel distretto di Huairou, 73 km a nord di Pechino.  E’ un paradiso per i fotografi grazie al suo stile unico, caratterizzato da ripide montagne e straordinari paesaggi che la fanno essere la sezione più selvaggia e incontaminata in assoluto.

Vai alla scheda»
JIUMENKOU

JIUMENKOU

La Grande Muraglia che corre sull'acqua

novembre 152016

Jiumenkou Great Wall è l’unica sezione della Grande Muraglia (1,7 km) che corre sull’acqua. La sua costruzione risale alla dinastia Qi Settentrionale (550-577), ed è stato ulteriormente ampliato nel 1381 durante la dinastia Ming (1368-1644).

Vai alla scheda»
BADALING

BADALING

La sezione più popolare della Grande Muraglia

novembre 152016

Badaling (八达岭) è il sito in cui sorge il tratto più visitato della Grande muraglia cinese, circa 80 chilometri a nordovest di Pechino. La porzione del muro che corre all’interno dell’area fu edificata durante la Dinastia Ming, assieme ad un avamposto militare, a dimostrazione dell’importanza strategica della zona.

Vai alla scheda»
JUYONGGUAN

JUYONGGUAN

Uno dei più grandi forti della Grande Muraglia

novembre 152016

La sezione di Juyongguan (居庸关) è la sezione di Grande Muraglia più vicina a Pechino (60 km) e anche la più accessibile. Si tratta di uno dei più grandi forti in difesa dell’antica Pechino. Gengis Khan condusse le sue truppe attraverso questo passo durante la sua conquista della Cina.

Vai alla scheda»
HUANGYAGUAN

HUANGYAGUAN

Dove si corre la Maratona della Grande Muraglia

novembre 152016

Huangyaguan o Huangya Pass (黄崖关) è una piccola sezione della Grande muraglia cinese situata nel nord della contea di Ji, nella municipalità di Tianjin, circa 126 km a nord della città. Il sito si trova su un costone di montagna ripida e brusco.

Vai alla scheda»
GUBEIKOU

GUBEIKOU

La Muraglia delle 130 battaglie

novembre 152016

La sezione Gubeikou della Grande Muraglia si trova a 146 km da Pechino e non è mai stata ricostruita. Si presenta quindi in uno stato piuttosto fatiscente ma anche per questo mantiene una sua bellezza originaria. Selvaggia e di difficile accesso, è stata teatro di oltre 130 battaglie nella storia cinese a causa della sua posizione strategica. 

Vai alla scheda»
HUANGHUACHENG

HUANGHUACHENG

La Muraglia immersa nel lago

novembre 152016

La sezione di Huanghuacheng della Grande Muraglia si trova a 75 km da Pechino ed è nota perché alcune sue parti sono immerse nell’acqua di un lago.

Vai alla scheda»
SIMATAI

SIMATAI

Un "riassunto" della Grande Muraglia

novembre 152016

Il Simatai (司马台) è una sezione della Grande muraglia cinese situata nel Distretto di Miyun, a 120 km a nord-est di Pechino. La questa sezione permette l’accesso al Gubeikou, un passo strategico, situato nella parte orientale della Muraglia.

Vai alla scheda»
JINSHANLING

JINSHANLING

Il tratto di Muraglia ideale per escursionisti

novembre 152016

Jinshanling (金山岭), è una sezione della Grande muraglia cinese nell’area montuosa della contea di Luanping, 120 km a nord-est di Pechino. Questa sezione è collegata a quella di Simatai.

Vai alla scheda»
MUTIANYU

MUTIANYU

La sezione di Grande Muraglia meglio conservata

novembre 152016

Mutianyu ( 慕田峪) è una sezione della Grande muraglia cinese nel Distretto di Huairou, a 70 km a nord-est di Pechino. La sezione Mutianyu della Muraglia è collegata al passo Juyongguan ad ovest e alla porta Gubeikou a est. Una delle sezioni meglio conservate del monumento, Mutianyu aveva la funzione specifica di proteggere la capitale e le tombe imperiali.

Vai alla scheda»
ZHANGYE

ZHANGYE

La Porta del Grande Ovest

novembre 142016

Zhangye (张掖) è una città-prefettura nella provincia del Gansu, al confine con la Mongolia Interna a nord e Qinghai a sud. Zhangye si trova al centro del Corridoio di Hexi.

Vai alla scheda»
JINGDEZHEN

JINGDEZHEN

La Capitale Mondiale della Porcellana

novembre 142016

La città di Jingdezhen (景德镇) si trova nel nord della provincia dello Jiangxi. E’ considerata da oltre un millennio la “Capitale della Porcellana cinese” e a tutt’oggi l’industria della ceramica dà lavoro a quasi la metà della popolazione. Già sotto la Dinastia Tang (618-907 d.C.) si descriveva la città “invasa da forni che collegano un villaggio all’altro, e stufe accese ovunque”.

Vai alla scheda»
NIYA

NIYA

Un sito archeologico lungo la Via della Seta

novembre 142016

Le rovine di Niya (尼雅遗址) sono un sito archeologico situato nei pressi dell’odierna città di Minfeng, sul confine meridionale del bacino del Tarim nello Xinjiang. Numerosi reperti archeologici sono stati scavati in questo posto.

Vai alla scheda»
MIRAN

MIRAN

Un fiorente centro di commercio sulla Via della Seta

novembre 142016

Miran è un’antica città-oasi situata sul confine meridionale del deserto di Taklamakan in Cina, lungo la famosa rotta commerciale nota come Via della Seta, dove il deserto di Lop Nur si incontra con i monti Altyn-Tagh.

Vai alla scheda»
LOULAN

LOULAN

L'antico regno lungo la Via della Seta

novembre 142016

Loulan o Kroran (楼兰故城) è un’antica città-oasi già nota nel II secolo a.C. sul confine nord-orientale del deserto di Lop. Loulan, nota agli archeologi russi come Krorayina, era un antico regno posto lungo la Via della Seta.

Vai alla scheda»
BEZEKLIK

BEZEKLIK

Le Grotte dei mille Buddha

novembre 142016

Le grotte dei mille Buddha di Bezeklik (柏孜克里千佛洞) sono un complesso di grotte buddhiste datate dal V al IX secolo, situate tra le città di Turpan e Shanshan (Loulan) a nord-est del deserto di Taklamakan.

Vai alla scheda»
KARASAHR

KARASAHR

Il Regno di Cialis

novembre 142016

Karasahr, Yanqi o Karashahr (“città nera” in lingua uigura, 焉耆, Yānqí) è un’area situata nell’odierno Xinjiang. Il nome sanscrito buddhista era ‘Agni’ o ‘Fuoco’. L’attuale nome della città è Yanqi.

Vai alla scheda»
GAOCHANG

GAOCHANG

L'antica oasi lungo la Via della Seta

novembre 142016

Gaochang (高昌) è una antica città costruita nel I secolo a.C. lungo il bordo settentrionale del deserto di Taklamakan nella provincia dello Xinjiang. La città si sviluppò come centro commerciale lungo la Via della Seta; venne abbandonata verso la fine del XV secolo. A 6 km circa dall’antica città si trovano le tombe di Astana, una serie di tombe sotterranee utilizzate dagli abitanti di Gaochang per circa 600 anni, dal 200 all’800.

Vai alla scheda»
AKSU

AKSU

La città oasi chiamata "acqua bianca"

novembre 142016

Aksu o Akesu (nota anche come Ak-su, Akshu, Aqsu, Bharuka e Po-lu-chia; 阿克苏市), è una città della regione autonoma cinese dello Xinjiang, nonché capitale della prefettura di Aksu. Il nome Aksu significa letteralmente acqua bianca, e viene usato sia per la città oasi che per il fiume Aksu.

Vai alla scheda»
YUMENGUAN

YUMENGUAN

La Porta di Giada della Via della Seta

novembre 132016

Il passo Yumen (玉门关), o Porta di giada, è un passo di montagna situato ad ovest di Dunhuang, nell’odierna regione cinese del Gansu. In tempi antichi attraverso questo passo correva la Via della Seta, ed era una delle strade che univano Cina ed Asia centrale, un tempo chiamata “Territori Occidentali”. Poco a sud si trova il passo Yangguan, a sua volta importante tappa lungo la Via della Seta.

Vai alla scheda»
XUANBI

XUANBI

La Grande Muraglia nel deserto

novembre 132016

Situato a circa 7 chilometri a nord-ovest del Forte di Jiayuguan e a 11 chilometri dalla città, Xuanbi (悬壁长城) rappresentava una parte importante della rete di difesa del passo di Jiayu. E’ stato costruito nel 1539 durante la dinastia Ming (1368-1644) per rafforzare la capacità difensiva della zona.

Vai alla scheda»
HUSHAN

HUSHAN

La parte più orientale della Grande Muraglia

novembre 132016

Hushan Great Wall (虎山长城), noto ai coreani come Fortezza Bakjak, è la parte più orientale conosciuta della Grande Muraglia cinese, al confine con la Corea del Nord. Nel 1992, una sezione di Muraglia è stato ristrutturata e aperta al pubblico, diventando una popolare attrazione turistica. La Muraglia si estende per circa 1.200 metri sopra la Tiger Mountain (Hushan).

Vai alla scheda»
LINXIA

LINXIA

La Mecca cinese

novembre 122016

Linxia (临夏市, precedentemente nota come Han, Daohe e Hezhou), è una città-contea capoluogo dell’omonima Prefettura Autonoma Hui. Situata nella valle del fiume Daxia (大夏河), un affluente del fiume Giallo, deve il suo status alla presenza prevaricante della minoranza musulmana Hui, che conta per il 51,4 per cento dell’intera popolazione locale, stimata intorno ai 250mila abitanti. Confina a est con la città di Dingxi, a sud con la prefettura autonoma tibetana di Gannan, a nord con la capitale provinciale del Gansu, Lanzhou, mentre a ovest i monti Anemaqen (阿尼玛卿) fungono da barriera naturale con la vicina provincia del Qinghai. La propaggine settentrionale della municipalità è delimitata dall’altopiano del Loess. 

Vai alla scheda»
SANGUANKOU

SANGUANKOU

La Grande Muraglia del Ningxia

novembre 122016

Costruito nel 1531, in epoca Ming, Sanguankou (三关口) è situato al confine tra Ningxia e la Mongolia interna, a sud dei monti Helan e a circa 40 km ad ovest della capitale Yinchuan. Proprio come il suo nome indica, Sanguankou contiene tre Passi, ognuno ad una distanza di circa 2,5 km in mezzo.

Vai alla scheda»
GROTTE DI MOGAO

GROTTE DI MOGAO

Un tesoro di arte buddhista

novembre 112016

Le Grotte di Mogao (莫高窟), conosciute anche come le “Grotte dei Mille Buddha”, rappresentano la più grande collezione di arte buddhista del mondo: 500 grotte, 2.000 statue e oltre 45 mila mq di pitture parietali distribuite per 1,6 km lungo le pareti rocciose delle Singing Sand Mountains. Nel 1987 sono state dichiarate Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Vai alla scheda»
MAIJISHAN

MAIJISHAN

Le 194 grotte nella montagna

novembre 92016

Tra le grotte-tempio che il buddhismo ha lasciato nel suo cammino lungo la Via della Seta, dall’India verso l’estremo Oriente, quelle di Maijishan (麦积山石窟) sono senza dubbio tra le più caratteristiche.

Vai alla scheda»
XIAOZHAI TIANKENG

XIAOZHAI TIANKENG

La dolina più grande del mondo

novembre 82016

Il Xiaozhai Tiankeng (Pozzo celeste) 天坑地缝 è la dolina più grande del mondo. E’ formata da ripetuti sprofondamenti di strati di calcare sempre più sottili.

Vai alla scheda»
CASCATE DI HUKOU

CASCATE DI HUKOU

La più grande cascata sul Fiume Giallo

novembre 52016

Le cascate di Hukou (壶口瀑布) si trovano al confine tra le province di Shanxi e Shaanxi, e sono una delle attrazioni naturalistiche più importanti del Paese. Sono le più grandi cascate sul fiume Giallo, le seconde più grandi cascate in Cina dopo quella di Huangguoshu nel Guizhou.

Vai alla scheda»
ANYANG

ANYANG

L'antica capitale degli Shang

novembre 42016

L’antica città di Anyang (安阳) si trova nel nord della provincia dello Henan, al confine con lo Hebei. Vi è un aneddoto riportato da Kai Vogelsang nel suo libro Geschichte Chinas, in cui si narra del paleografo Wang Hirong che, ammalatosi di malaria nel 1899, compra in una farmacia gli “ossi di drago”, vecchi ossi di animali utilizzati nella medicina tradizionale cinese.

Vai alla scheda»

Costruita nel 1703 dai Gesuiti, su un terreno offerto loro nel 1694 dall’imperatore  Kangxi (康熙 1661-1722) della dinastia Qing (1644-1912) come ringraziamento per l’aiuto medico ricevuto dai padri Jean-Francois Gerbillon e Joachim Bouvet, la  Chiesa del Salvatore 救世主堂 (conosciuta anche come 西什库天主堂 Chiesa Cattolica di Xīshíkù, o come 北堂 Cattedrale Nord) e una delle chiese cattoliche più maestose e ornate della città; il distico e la placca ospitati nella cattedrale sono opera autografa dello stesso imperatore Kangxi.

Originariamente costruito all’interno dell’area nota come  Zhōngnánhǎi (中南海), sul lato occidentale della Città Proibita, nel 1887 l’edificio fu spostato e ricostruito nella sua posizione attuale su ordine dell’imperatore Qing Guangxu (光绪 1871-1908), desideroso di realizzare un parco nella suddetta area di Zhōngnánhǎi. L’odierna facciata in stile gotico fu realizzata nel 1890 sotto la supervisione del vescovo missionario Pierre-Marie-Alphonse Favier.

Dal 14 giugno al 16 agosto del 1900, durante la “rivolta dei boxers” (义和拳运动 Yìhéquányùndòng), la cattedrale subì un pesante assedio. La difesa, guidata dallo stesso vescovo Favier, riesci a salvare le vite di 3000 convertiti che si erano rifugiati nel complesso (situato all’interno dell’allora città imperiale) dai circa 10 mila rivoltosi.

Tra le più antiche e grandi dell’architettura cattolica cinese, la struttura copre un’area di circa 2200 metri quadrati e può accogliere circa 1000 fedeli. Circondata da alberi di pino e di quercia, la cattedrale è ingentilita da due graziosi padiglioni dalle tegole gialle (colore storicamente riservato agli edifici imperiali) che ne incorniciano la facciata sui due lati; ognuno di essi ospita 4 leoni scolpiti e una stele incisa con la calligrafia dell’imperatore Qing Qianlong (乾隆1735-1796). All’interno sono presenti 36 pilastri di colore rosso e nero, alti ben 15 metri l’uno, che sorreggono un tetto dorato, e ben 80 finestre dai vetri multicolori.

 

NOME CINESE: 西什库天主堂
ORARIO DI INGRESSO: 5:00 – 18:00 (funzioni, esclusivamente in cinese. Dal lunedì al sabato: 6:00 e 7:00, domenica: 6:00, 7:00, 8:00, 10:00, 18:00.
BIGLIETTI DI INGRESSO: gratuito.
COME ARRIVARE: Autobus fermata 西安门 Xī’ānmén su 西安门大街 Xī’ānmén Dàjiē: linee 101,103, 109, 124, 128, 14. Fermata 西安门 Xī’ānmén su 西什库大街 Xīshìkù Dàjiē: linee 38, 55.
Metropolitana (distanza a piedi dall’ingresso):
Linea 4 西四 Xīsì (circa 500 metri), 平安里 Píng’ānlǐ e 灵境胡同 Língjìng Hútong(circa 1,1 km); Linea 6 北海北 Běihǎiběi (circa 1,1 km)

DOVE MANGIARE: ristorante specializzato in málàtàng Zhōngyǒu Málàtàng 忠友麻辣烫 (sede di Xī’ānmén); Prezzo medio:  25 rmb; Gusto: 9.0 Ambiente: 8.8; Servizio: 9.0. Indirizzo: 西安门大街109号甲 Xī’ānmén Dàjiē n. 109

Telefono: 15600189929 Orari: tutti i giorni 10:30-22:00

Vai alla scheda»
SHANHAIGUAN

SHANHAIGUAN

Dove la muraglia incontra il mare

novembre 22016

Il Passo Shanhai, conosciuto in cinese come Shanhaiguan (山海关, il passo tra i monti e il mare), è uno dei più importanti passi della Grande Muraglia, dove la stessa incontra il mare. Il Passo Shanhai si trova nel distretto di Shanhaiguan, nella contea di Qinhuangdao, a circa 300 km da Pechino. 

Vai alla scheda»
CASCATE DETIAN

CASCATE DETIAN

Tra colline carsiche al confine col Vietnam

novembre 12016

Le cascate Detian-Ban Gioc (德天瀑布), circondate da splendide colline verdi di origine carsica e campi coltivati a terrazze, separano la Cina (145 km da Nanning, capitale del Guangxi) dal Vietnam (270 km da Hanoi).

Vai alla scheda»
KAIPING DIAOLOU

KAIPING DIAOLOU

Le abitazioni dei migranti tornati da Occidente

ottobre 302016

I diaolou (碉樓) sono torri fortificate a più piani, generalmente costruite in cemento armato. Queste strutture si trovano principalmente nei pressi della città di Kaiping ( 开平), nella provincia del Guangdong, a due ore da Guangzhou. Le prime torri vennero erette agli inizi della Dinastia Ming, nel XVI secolo, per raggiungere il picco verso gli anni venti e trenta del XX secolo, quando si contavano più di 3.000 di queste strutture.

Vai alla scheda»
La Città Circolare
ottobre 292016

Originariamente una piccola isoletta posta a sud dell’isola 琼华 Qíonghuá, 团城 la Città Circolare è ora un complesso collegato alla terraferma, all’estremità sud del 北海公园 Parco di Beihai. La struttura principale è il 承光殿 il Padiglione del Ricevimento della Luce, un’ampia costruzione con un doppio tetto di tegole gialle bordato di verde, che ospita al suo interno una preziosa statua di Buddha ottenuta da un unico grande pezzo di giada bianca, donata in origine da un re cambogiano all’imperatore 光绪 Guangxu (1875-1908) della 清朝 Dinastia Qing (1644-1912). La statua venne poi danneggiata nel 1900, quando le forze delle 八国联军 Otto Potenze Alleate (Russia, Giappone, Italia, Stati Uniti, Francia, Austria-Ungheria, Germania e Gran Bretagna) entrarono a Pechino per fermare l’assedio al Quartiere delle Legazioni da parte dei rivoltosi Boxers.

Al centro della Città Circolare si trova lo 玉瓮亭,o Padiglione dell’Urna di Giada, con il suo tetto blu e le colonne bianche. Nel 1745, l’imperatore Qing 乾隆 Qianlong (1735-1796) fece incidere un suo poema all’interno dell’urna. Anch’essa ricavata da un singolo pezzo di giada, la superficie esterna dell’urna è decorata con draghi, pesci e altre creature marine.

Come il resto del Parco di Beihai, la Città Circolare era parte dei giardini imperiali durante le dinastie 辽朝 Liao (907-1125) e 金朝 Jin (1115-1234), che controllarono il nord del paese tra il X e il XIII secolo. I Jin costruirono sull’isolotto un padiglione che circondarono con alberi di pino (uno dei quali è ancora al suo posto), i successivi regnanti della 明朝 dinastia Ming (1368-1644) edificarono le mura circolari che circondano tutt’ora la ex isola. L’aspetto e l’organizzazione odierni della Città Circolare è quello creato dagli imperatori 康熙 Kangxi (1661-1722) e 乾隆 Qianlong (1735-1796).

NOME CINESE: 团城
COME ARRIVARE: Fermata 北海 Beihai su 文津街 Wenbin Jie, ingresso Sud del Parco: linee 101, 103, 109, 124, 128. Fermata 北海北门 Beihai Beimen su 地安门西大街 Di’anmen Xidajie, ingresso Nord del Parco: linee 3, 3 turistico (观光3线), 13, 42, 107, 111, 118, 612, 701.
Metropolitana (distanza a piedi dall’Ingresso Sud del Parco):
Linea 4 西四 Xisi (circa 1,5 km)
Linea 1 天安门西 Tiananmen Xi (circa 1,8 km)
Linea 6 北海北 Beihai Bei (1,6 km)
Linea 6 e Linea 5 东四 Dongsi (2,3 km)
RISTORANTI CONSIGLIATI NELLE VICINANZE:
大三元酒家 Dàsānyuán Jǐujiā
Prezzo medio: 231 rmb
Indirizzo: 景山西街50号(近故宫北门) Jǐngshān Xījiē n. 50 (vicino al portone nord della Città Proibita)
Telefono: 010-64013920
Orari: tutti i giorni 10:30-21:00

 

 

Vai alla scheda»
DISTRETTO XICHENG

DISTRETTO XICHENG

"La città occidentale"

ottobre 292016

Il distretto di Xicheng (西城区 “la città occidentale”) ha una superficie di 50,70 kmq e una popolazione di 1.243.000 abitanti al 2010. Confina a est con il quartiere Dongcheng, a nord con quello di Chaoyang, a nord-ovest con Haidian e a sud con il distretto di Fengtai. In quanto sede di ministeri e residenze di alti papaveri, viene considerato il centro politico di Pechino. Alcuni anni fa è stato accorpato al distretto di Xuanwu, che oggi di fatto ne costituisce la propaggine meridionale.

Xicheng è noto sopratutto per l’atmosfera frizzantina respirabile lungo gli argini del lago Houhai, punteggiati di locali e ristoranti. Ma anche per l’area commerciale di Xidan, il parco Beihai (北海公园) con il suo stupa bianco (Bai Ta 白塔), lo zoo di Pechino, il tempio taoista della Nuvola Bianca (白云观) e la Residenza del Principe Gong (公王府花园).

Turismo in Cina ha selezionato alcune attrazioni poco battute dai tour tradizionali:

 

 

 

Vai alla scheda»
XITANG

XITANG

La water town dei langpeng

ottobre 272016

Xitang (西塘水乡) è una delle water town cinesi più belle e meglio conservate, con una storia molto antica che risale al periodo delle “Primavere e Autunni” (770 a.C.-476 a.C.) e degli Stati Combattenti (476 a.C.-221 a.C.). Attraversata da nove fiumi, la città si estende su otto sezioni, collegate da vecchi ponti in pietra del periodo Ming (1368–1644) e Qing (1644–1911): un totale di ben 104 ponti e 122 vicoli antichi, alcuni lunghi e stretti, come il celebre vicolo Shipi (68 metri di lunghezza, in alcuni punti 80 cm di larghezza).

Vai alla scheda»
ZIQUEJIE

ZIQUEJIE

Le terrazze di riso dello Hunan

ottobre 252016

I campi di riso terrazzati di Ziquejie (紫鹊界梯田) si trovano a Shuiche, nella contea di Xinhua, a circa 285 chilometri da Changsha, capitale dello Hunan. Sebbene meno conosciuti di Longji e Yuanyang, hanno una storia di oltre 2000 anni essendo stati costruiti durante la dinastia Qin (221 a.C – 206 a.C).

Vai alla scheda»
JIABANG

JIABANG

Le terrazze di riso più belle del Guizhou

ottobre 252016

Ci sono cinque aree nel Guizhou dove è possibile ammirare i campi di riso terrazzati. Jiabang (加榜梯田) è la più bella e famosa, dato anche il pittoresco scenario naturale del terrazze combinato con le case di legno della popolazione dei Miao.

Vai alla scheda»
YUNHE

YUNHE

Le terrazze di riso dello Zhejiang

ottobre 252016

Immersi tra le montagne e le colline intorno a Chongtou, nella contea di Yunhe, si trovano questi antichi campi di riso terrazzati dello Zhejiang. Yunhe significa letteralmente “nuvole pacifiche” e i suoi terrazzamenti hanno mille anni di storia, con la costruzione che risale alla dinastia Tang, per poi continuare durante le dinastie Yuan e Ming.

Vai alla scheda»
LONGJI

LONGJI

I campi di riso terrazzati degli Zhuang

ottobre 252016

Le terrazze di riso Longji (龙脊梯田, lóngj tītián, Terrazze Dorso del Drago) si trovano nella contea di Longsheng, a circa 90 km da Guilin. I lavori di costruzione sono cominciati durante la dinastia degli Yuan (1271-1368) e completati sotto il regno dei Qing (1644-1911): un lavoro di grande ingegnosità, merito dei contadini del popolo Zhuang, la più grande minoranza etnica delle 56 riconosciute in Cina, che vive in prevalenza nella Regione Autonoma di Guangxi Zhuang, oltre che nelle province di Yunnan, Guangdong, Guizhou e Hunan.

Vai alla scheda»
YUANYANG

YUANYANG

Le terrazze di riso degli Hani

ottobre 242016

La contea di Yuanyang (元阳县) è nota per i suoi meravigliosi campi di riso terrazzati che scendono dai pendii dei Monti Ailao fino alle rive del Fiume Rosso. Costruiti 1300 anni fa a mani nude dalla minoranza etnica degli Hani (哈尼族), abitanti originari di questa regione, sono ancora in uso al giorno d’oggi.  

Vai alla scheda»
CHENGDE

CHENGDE

La residenza estiva degli imperatori

ottobre 232016

Chengde (承德) è una città situata a circa 100 miglia a nordest di Pechino nella provincia dello Hebei, in prossimità del fiume Luan. Nel 1703, quando ancora era conosciuta con il nome di Jehol, è diventata sede della dimora estiva dell’imperatore Kangxi (1654-1722): il Mountain Resort (避暑山庄 bishu shanzhuang), un complesso circondato da giardini per un’ampiezza complessiva di 5,6 kmq (quasi metà dell’intera area urbana) che è stato utilizzato anche dai successori Yongzheng (1678-1735) e Qianlong (1711-1799). Costruita nell’arco di 89 anni, la residenza dava rifugio al Figlio del Cielo nei mesi più caldi dell’anno, per questo la parte meridionale del complesso è stata realizzata sulla falsariga della Città Proibita di Pechino. 

Vai alla scheda»
YARKAND

YARKAND

La "capitale della seta"

ottobre 222016

Yarkand (in cinese Shache 莎车) è una delle 11 contee amministrate da Kashgar, posizionata all’estremo sud del deserto del Taklamakan dove scorre il Yarkand River. E’ stata sede di un antico regno buddhista sorto lungo il ramo meridionale della Via della Seta. Convertita all’Islam nel X secolo con la conquista da parte della dinastia turca dei karakhanidi, nel XVI secolo l’oasi è poi stata incorporata nel khanato di Kashgar, di cui è diventata capitale.

Vai alla scheda»
CONTEA DI WUYUAN

CONTEA DI WUYUAN

Tra campi di colza e architettura Hui

ottobre 212016

La contea di Wuyuan (婺源县) nasce nel 740 d.C. in epoca Tang (618-907) ed è famosa in Cina per i suoi splendidi paesaggi di campagna, soprattutto in primavera, quando la colza fiorisce e i campi si colorano di un giallo brillante. Anche l’Autunno regala grandi sorprese, quando i contadini mettono ad asciugare al sole i propri raccolti (vd.Huangling).

Ma la contea di Wuyuan è anche la patria di alcune delle architetture antiche meglio conservate in Cina: il cosidetto stile Huizhou¹(徽州), detto anche Hui, di cui la contea rappresenta uno dei cuori pulsanti con i suoi villaggi e le tipiche abitazioni costruite tra il XIV e il XVII secolo dai ricchi mercanti di Huizhou, che reinvestivano i loro guadagni nella costruzioni di sale ancestrali e di grandi case con mura esterne imbiancate a calce, in contrasto cromatico con le tegole scure dei tetti a doppio spiovente e gli interni in legno.

 

 

NOME CINESE: 婺源县
SUPERFICIE: 2.948 kmq
POPOLAZIONE: 362 mila
ALTITUDINE: 100-400 metri slm
DIVISIONE AMMINISTRATIVA: E’ sotto la giurisdizione della città-prefettura di Shangrao. 10 paesi e 6 villaggi
COSA VEDERE: Campi di colza in fiore (marzo), architettura Hui, Huangling (i raccolti stesi a seccare in autunno), Sixi Yancun, Piccola Likeng, Qinghua (il Ponte Arcobaleno), Xiaoqi, Wangkou, Grotte di Lingyan.
BIGLIETTI DI INGRESSO: Diverse opzioni. Esiste un pass che vale 5 giorni e dà diritto alla visita di 12 attrazioni (180 yuan converti in euro)
COME ARRIVARE: da Shanghai in treno (4 ore). In bus da Shanghai (6 ore), Hangzhou (3½ ore) e Nanchang (3½ ore).
MIGLIOR PERIODO PER UNA VISITA: Marzo, quando la colza è in fiore. In Autunno per visitare Huangling.
*Huizhou¹ è una regione storica nel sud-est della Cina e corrisponde alla parte meridionale della provincia di Anhui (Huangshan e contea di Jixi) più la contea di Wuyuan nel nord-est dello Jiangxi.

VEDI LA GALLERY:

jiangxi-contea-wuyuan-1

Vai alla scheda»
KAIFENG

KAIFENG

L'antica capitale dei Song

ottobre 202016

L’antica città fortificata di Kaifeng (開封) fu una delle capitali storiche della Cina durante la dinastia Song, che la abbandonò a seguito di un’invasione e per circa 900 anni fu sede di una comunità ebraica, l’unica conosciuta in Cina prima del XIX secolo. Oggi è una città affascinante piena di templi e pagode.

Vai alla scheda»
JUJING

JUJING

Il Villaggio Rotondo

ottobre 202016

Il villaggio di Jujing (菊径村) si trova nella contea di Wuyuan. Il nome significa “la strada del crisantemo”, ma è anche conosciuto come il “villaggio rotondo” per la sua particolare forma, circondato da un fiume. Le case sono in stile Huizhou, come la gran parte dei villaggi della contea di Wuyuan.

Vai alla scheda»
HUANGLING

HUANGLING

L'antico villaggio dello shaiqiu

ottobre 202016

L’antico villaggio di Huangling (篁岭) ha quasi 600 anni di storia e si trova nella contea di Wuyuan, considerata tra le più belle zone di campagna in Cina. Questo caratteristico borgo è custode di un’antica e affascinante tradizione legata alla civiltà contadina, chiamata shaiqiu (晒秋): ovvero, l’essiccazione al sole di alcuni prodotti agricoli (in particolare, peperoncini, fiori di colza, mais, soia e crisantemi) che comincia il primo giorno d’autunno del calendario cinese.

Vai alla scheda»
DUJIANGYAN

DUJIANGYAN

L'antico sistema di irrigazione

ottobre 202016

Il sistema di irrigazione del Dujiangyan (都江堰) è uno storico sistema per l’irrigazione e il controllo delle inondazioni costruito in Cina intorno al 250 a.C. Quest’opera, realizzata dal Governatore dello stato di Shu Li Bing e dal figlio, si trova 56 chilometri ad ovest dell’odierna Chengdu e provvede ancor oggi ai bisogni idrici della città.

Vai alla scheda»
KUQA

KUQA

La sacra città-stato sulla Via della Seta

ottobre 192016

Kuqa (Kuche in cinese 库车) sorge lungo la strada tra Urumqi e Kashgar. Nota anticamente come Qiuchi, in epoca Tang la città-stato veniva apprezzata per la musica e le danze, oltre ad essere rinomata come centro religioso. Ha dato i natali a Kumarajiva, primo traduttore dei sutra buddhisti dal sanscrito al cinese, nato dall’unione tra un uomo indiano e una principessa di Kuqa. Nel VII secolo la città è stata ricordata nelle memorie del monaco cinese Xuanzang, partito alla volta dell’India per cercare le sacre scritture. Egli ne celebrò i templi e le immense sculture del Buddha, alte 30 metri, poste ai due lati dell’ingresso occidentale.

Oggi merita ancora una visita per il suo bazar, il piccolo centro storico e le rovine nei dintorni.

 

 

 

NOME CINESE: 库车
POPOLAZIONE: 74.632
ALTITUDINE: 1.072 metri slm
COSA VEDERE: grotte di Kiril, la Grande Moschea della città vecchia, il Gran Canyon dei monti Tian Shan, Tempio Subashi Gucheng, palazzo reale di Kuqa.
COME ARRIVARE: l’areoporto dista a 2 km dalla città e offre sette voli settimanali tra Kuqa, Urumqi e Hotan. E’ raggiungibile anche in bus da Urumqi (10 ore) o in treno con partenze al pomeriggio e alla sera.
MIGLIOR PERIODO PER UNA VISITA: primavera e autunno.

Vai alla scheda»
SHANGRI-LA

SHANGRI-LA

L'Orizzonte Perduto dello Yunnan

ottobre 192016

Il luogo geografico più simile al luogo immaginario descritto nel romanzo Orizzonte perduto (1933) e che probabilmente ha ispirato lo scrittore James Hilton è il territorio di Diqing (迪庆藏族自治州) dove, nel 2001, il governo cinese allo scopo di incentivare il turismo ha ribattezzato la contea di Zhongdian con il nome di Shangri-La.

Vai alla scheda»
HULUNBUIR

HULUNBUIR

La più bella prateria cinese

ottobre 192016

La prateria di Hulunbuir (in cinese Hūlúnbèiěr 呼伦贝尔), situata a nord-est della Mongolia interna, offre bellissimi scenari di vaste praterie, foreste, fiumi e laghi dove i pastori mongoli radunano il loro bestiame e le pecore. 

Vai alla scheda»
GENGIS KHAN

GENGIS KHAN

Il Mausoleo del condottiero mongolo

ottobre 192016

Il Mausoleo di Gengis Khan si trova nella città di Ordos (in cinese 鄂尔多斯 È’ěrduōsī) e comprende tre edifici che evocano le iurta mongole. In realtà non si conosce il vero luogo della sepoltura del condottiero mongolo, poiché alla sua morte il corpo venne riportato in Mongolia dai migliaia di suoi seguaci.

Vai alla scheda»
MONTE SANQING

MONTE SANQING

La montagna taoista ricca di fauna

ottobre 182016

Il Monte Sanqing (三清山), o Monte San Qing, è una famosa montagna taoista situata 80 chilometri a nord di Yushan. San Qing significa letteralmente ‘tre diversi’ in cinese, ed indica il fatto che il monte San Qing è formato da tre cime: “monte Yujing”, “monte Yushui” e “monte Yuhua”. Uno slogan cinese “三峰峻拔、如三清列坐其巅” (“tre picchi scoscesi, come i Tre Puri che siedono sulle cime”) spiega perché abbia preso il nome di San Qing.

Vai alla scheda»
AMNYE MACHEN

AMNYE MACHEN

La montagna sacra del Qinghai

ottobre 182016

L’Amnye Machen (阿尼玛卿) o Amne Machin è la vetta più elevata (6282 metri slm) dell’omonima catena montuosa della provincia del Qinghai. Secondo il buddhismo tibetano si tratta di una montagna sacra, in quanto dimora del capo delle divinità indigene dell’Amdo, Machen Pomra.

Vai alla scheda»
SANJIANGYUAN

SANJIANGYUAN

Alle sorgenti di Fiume Giallo, Yangtze e Mekong

ottobre 182016

La riserva naturale di Sanjiangyuan, anche chiamata dei “Tre Fiumi” (三江源自然保护区) dal momento che qui vi sono le sorgenti del Fiume Giallo, dello Yangtze e del Mekong. Situata nell’entroterra dell’altopiano Qinghai-Tibet, nel sud della provincia del Qinghai con un’altitudine di oltre 4.000 metri, la riserva si estende su una superficie di circa 150.000 chilometri quadrati. E’ la più grande e più alta zona umida naturale in Cina.

Vai alla scheda»
TASHILHUNPO

TASHILHUNPO

Il Monastero fondato da Gendun Drup

ottobre 182016

Il monastero di Tashilhunpo (扎什伦布寺) fu fondato nel 1447 da Gendun Drup il primo Dalai Lama ed è un centro storico e culturale di rilevante importanza, secondo solo a Shigatse, altro importante luogo di culto in Tibet. Il monastero fu la tradizionale residenza dei vari Panchen Lama, la seconda maggiore carica religiosa tibetana.

Vai alla scheda»
GYANTSE

GYANTSE

La città dei tappeti

ottobre 182016

Gyantse (江孜) è una città tibetana che si trova a 4 mila metri slm ed è attraversata dalla Friendship Highway, che la congiunge a Kathmandu in Nepal. Molto celebri il forte Dzong che domina sulla città e il Kumbum, uno stupa eretto nel 1440 contenente 108 cappelle su quattro piani, tutte finemente illustrate da migliaia di dipinti e centinaia di statue. 

Vai alla scheda»
LAGO SAYRAM

LAGO SAYRAM

Il lago alpino più grande dello Xinjiang

ottobre 182016

Situato nella prefettura di Bortala in prossimità della catena montuosa Tianshan, il lago Sayram (赛里木湖), è il lago alpino più grande dello Xinjiang. Una leggenda racconta sia nato dalle lacrime di due giovani innamorati e tradotto dal kazako il suo nome vuol dire “benedizione”. Nonostante siano in corso lavori per la costruzione di alcune strutture alberghiere, l’area circostante è ancora prevalentemente dedicata alla pastorizia.

Vai alla scheda»
KEZILIYA

KEZILIYA

Il Grand Canyon del Taishan

ottobre 182016

Il Tianshan Grand Canyon (天山大峡谷) o Keziliya Grand Canyon è un corridoio lungo 5,5 chilometri scavato nella montagna Tianshan dal vento e dalla pioggia, a una profondità media di 1.600 metri. Data la varietà cromatica e morfologica, spesso il canyon viene ricordato piuttosto con il nome di “Keziliya”, ovvero “rupe rossa” in uiguro.

Vai alla scheda»
KOKTOKAY

KOKTOKAY

Tra natura e minerali

ottobre 182016

Collocato nella catena dei monti Altai, il Koktokay Scenic Spot (可可托海景区) è consigliato per gli amanti del trekking, della fotografia e delle spedizioni scientifiche. Il sito ospita la fossa mineraria più grande al mondo (con 84 tipi diversi di minerali) ed è ripartito in quattro aree principali:  l’Irtysh Grand Canyon, il Cocoa Sullivan Lake, l’Ilaymu Lake e la Kalaxianger Earthquake Fault Zone.

Vai alla scheda»
CAMPO BASE EVEREST

CAMPO BASE EVEREST

Il versante tibetano del Dio del Cielo

ottobre 182016

Il campo base dell’Everest (5.200 metri slm) è situato ai piedi del ghiacciaio di Rongbuk, ed è raggiungibile, con veicoli fuoristrada, tramite una strada di circa 100 km che parte a sud dalla Friendship Highway ne pressi di Shelkar, arrivati al villaggio di Tingri, la strada diventa una pista che attraversa la Riserva naturale del Qomolangma e passa per il monastero di Rongbuk (ritenuto il luogo abitato permanentemente, più alto al mondo – 4.980 m.).

Vai alla scheda»
LAGO CHAGAN

LAGO CHAGAN

Pesca invernale in stile mongolo

ottobre 182016

Il nome “Chagan” (查干湖) viene dal mongolo, e significa sacro, puro o bianco, per questo il Lago Chagan è spesso chiamato “Lago Sacro” dalla popolazione locale. Il lago è noto per la sua tradizionale pesca invernale in stile mongolo che risale alla preistoria.

Vai alla scheda»
MACAO

MACAO

La Las Vegas cinese

ottobre 172016

Macao (澳門), è una delle regioni amministrative speciali della Cina insieme a Hong Kong. Sorge sul lato occidentale del delta del fiume delle Perle, con Hong Kong a est, mentre a nord confina con la provincia del Guangdong. E’ rimasta sotto il dominio del Portogallo dalla metà del XVI secolo fino al 1999, diventando l’ultima colonia europea in Asia. 

Vai alla scheda»
HONG KONG

HONG KONG

Il Porto Profumato

ottobre 172016

Hong Kong (香港), letteralmente “porto profumato”, è una delle due Regioni Amministrative Speciali della Repubblica Popolare Cinese insieme a Macao, contraddistinta da una marcata commistione di elementi orientali e occidentali. Si trova sulla costa meridionale della Cina tra il delta del Fiume delle Perle e il Mar Cinese Meridionale, e viene considerata una delle aree più densamente popolate del mondo – fino al 1993 ha ospitato la cosiddetta Città Murata (Kowloon Wallet City), una piccola e pittoresca baraccopoli sviluppata in verticale, non controllata dal governo, dove emarginati, criminali e poveri hanno vissuto insieme, fianco a fianco.

Il 95% della popolazione locale è di etnia cinese, mentre il restante 5% appartiene ad altri gruppi. Il territorio è composto dall’isola di Hong Kong, dalla penisola di Kowloon, dai Nuovi Territori e da più di 200 isole in mare aperto, di cui la più grande è l’isola di Lantau.

Vai alla scheda»
NANXUN

NANXUN

La water town fondata nel 1252

ottobre 152016

L’antica città di Nanxun è stata fondata nel 1252 ed è, come le altre water town cinesi, un insieme di canali, edifici antichi e vicoli, sebbene si differenzia dalle altre città per il connubio dell’architettura tradizionale Cinese e Occidentale. Sono 15 i ponti antichi, costruiti durante le dinastie Yuan, Ming e Qing (1127-1911) e arrivati fino ad oggi, così come sono ben conservati diversi edifici tradizionali delle dinastie Ming e Qing.

Vai alla scheda»
TEMPIO DI WENCHENG

TEMPIO DI WENCHENG

La principessa Tang cara al buddhismo tibetano

ottobre 142016

Questo tempio, che si trova a 20 km dalla città di Yushu, è dedicato alla Principessa Wencheng della dinastia Tang. Si narra che nel VII secolo d.C. il primo re tibetano Songtsen Gampo si convertì al buddhismo grazie a sua moglie, la principessa Wencheng che sostò in quest’area per un mese durante un viaggio verso Lhasa.

Vai alla scheda»
LAGO QINGHAI

LAGO QINGHAI

Il Koko Nor a 3.200 metri di altezza

ottobre 142016

Il lago Qinghai (“lago azzurro”, 青海湖), noto anche come Koko Nor, è un lago della provincia del Qinghai (Cina centro-occidentale). Questo specchio d’acqua, il più grande lago di montagna privo di emissario dell’Asia centrale, è situato in una depressione dei monti Qilian; giace a circa 3200 metri sul livello del mare.

Vai alla scheda»
MONTE HUA

MONTE HUA

Una delle cinque montagne sacre in Cina

ottobre 142016

Il monte Hua o Huashan (华山) è una montagna situata vicino alla città di Huayin, nella provincia dello Shaanxi a circa 120 chilometri ad est di Xi’an. Si tratta di una delle cinque grandi Montagne sacre cinesi, ed è da secoli meta di pellegrinaggi.

Vai alla scheda»
HUANGLONG

HUANGLONG

Nell'habitat naturale del Panda gigante

ottobre 142016

Huanglong (黃龍) è un’area di interesse storico e paesaggistico che si trova nella Contea di Songpan, nella provincia del Sichuan. L’area si trova nella parte meridionale della catena montuosa del Minshan, 150 chilometri a nordovest di Chengdu.

Vai alla scheda»
TORRE DI YUEYANG

TORRE DI YUEYANG

La torre cantata dai poeti

ottobre 132016

La prima costruzione della torre risale al periodo iniziale dei Tre Regni quando lo stato di Wu (吳) inviò lo statista Lu Su (鲁肃) (172–217) ad edificare una struttura di difesa e una flotta nel punto in cui si potesse controllare il lago Dongting e la bocca del suo emissario nel Chang Jiang. Da allora la torre fu più volte ricostruita.

Vai alla scheda»
HAMI
ottobre 132016

Hami (哈密), nota anche come Kumul, è una città-prefettura della provincia dello Xinjiang, situata lungo l’antica Via della Seta.

Vai alla scheda»
JIUQUAN

JIUQUAN

La "fontana di vino"

ottobre 132016

Jiuquan (酒泉, lettaralmente “Fontana di Vino”) è una città-prefettura della Cina nella provincia del Gansu, lungo l’antica Via della seta. È una città moderna e dinamica, anche grazie alla presenza nel suo territorio amministrativo del campo petrolifero di Yumen, della celebre oasi di Dunhuang e del cosmodromo di Jiuquan.

Vai alla scheda»
WUWEI

WUWEI

Lungo la Via della Seta

ottobre 132016

Wuwei (武威) è una città situata nella provincia di Gansu. A nord confina con la Mongolia Interna, a su-ovest con Qinghai. La sua posizione al centro di tre capoluoghi occidentali, Lanzhou, Xining e Yinchuan la rende un importante centro d’affari e di trasporti per la regione.

Vai alla scheda»
DIGA DELLE 3 GOLE

DIGA DELLE 3 GOLE

Il progetto idroelettrico più grande al mondo

ottobre 132016

La diga delle Tre Gole, denominata anche “Progetto Tre Gole”, è una diga per la produzione di energia elettrica costruita sul Fiume Azzurro, nella provincia dello Hubei in Cina, e rappresenta l’impianto con la maggiore capacità di produzione idroelettrica mai realizzato.

Vai alla scheda»
CHONGWU

CHONGWU

L'antico bastione contro i pirati

ottobre 122016

La città antica di Chongwu (崇武古城), nella contea di Quanzhou, è stata edificata nel 1384 durante la dinastia Ming (1368-1644) come bastione contro i pirati giapponesi. Venne usato principalmente granito locale per le abitazioni che avevano tetti piatti.

Vai alla scheda»
ZHAOXING

ZHAOXING

Il più grande villaggio del popolo Dong

ottobre 122016

Oltre ad essere uno dei più bei villaggi etnici di tutta la Cina, è anche il più grande e antico villaggio del popolo Dong. Si tratta di Zhaoxing (肇兴) provincia del Guizhou, in cui vi abitano circa mille famiglie in 800 case tradizionali di legno.

Vai alla scheda»
HOTAN

HOTAN

Un ponte tra Buddismo e Islam

ottobre 112016

Hotan o Hetian (和田) è una città-oasi dello Xinjiang occidentale, nota per la giada ( e i gelsi. Situata nel bacino del Tarim, ha per secoli svolto un ruolo chiave negli scambi commerciali tra Oriente e Occidente come punto di snodo tra la via della seta meridionale e le rotte che univano India e Tibet all’Asia centrale.

Vai alla scheda»
PARCO VULCANO BINHAI

PARCO VULCANO BINHAI

L’unica area vulcanica costiera cinese

ottobre 112016

Il Parco Geologico Nazionale del Vulcano Binhai (滨海火山国家地质公园) è situato sulla sponda occidentale dello stretto di Taiwan, il parco è l’unica area vulcanica costiera della Cina. E’ anche uno dei primi 11 geoparchi nazionali nel paese.

Vai alla scheda»
TIANLUOKENG TULOU

TIANLUOKENG TULOU

Le antiche abitazioni degli Hakka

ottobre 112016

Il Tulou (土楼) è un’abitazione contadina collettiva, costruita a fortezza, residenza tradizionale del popolo degli Hakka (kejia in cinese 客家) nella Cina meridionale costruite in gran parte tra il XII e il XX secolo. Nel 2008 l’UNESCO ha inserito queste opere tra i patrimoni dell’umanità. 

Vai alla scheda»
MONTE TAIMU

MONTE TAIMU

La Dimora degli Immortali sul Mare

ottobre 112016

Il Monte Taimu (太姥山), conosciuto anche come “la dimora degli immortali sul mare”, è un monte cinese nella parte nord-orientale della provincia del Fujian, vicino al confine con il Zhejiang. La montagna (1.000 metri slm) affaccia sul Mar Cinese orientale ed è caratterizzata da tipici picchi di granito e da numerosi ruscelli e grotte.

Vai alla scheda»
MONTE JIUHUA

MONTE JIUHUA

Una delle 4 montagne sacre del Buddhismo cinese

ottobre 112016

Il Monte Jiuhua (九 华山) è una delle quattro montagne sacre del Bhuddismo cinese. Si trova nella contea di Qingyang nella provincia dell’Anhui, ed è famosa per il suo paesaggio ricco, i templi antichi e i santuari, molti dei quali sono dedicati a Ksitigarbha (nota in cinese come Dizang).

Vai alla scheda»
HONGCUN

HONGCUN

L'antico villaggio de La Tigre e il Dragone

ottobre 112016

Situato nella contea di Yixian, ai piedi del versante sud-occidentale del monte Huangshan, l’antico villaggio di Hongcun (宏村), con le sue 150 residenze risalenti alle dinastie Ming e Qing, è stato inserito nel 2000 tra i Patrimoni dell’umanità UNESCO. 

Vai alla scheda»
MEIZHOU ISLAND

MEIZHOU ISLAND

L'isola della Dea Matsu

ottobre 102016

Meizhou Island (湄洲岛) è una piccola isola vicino alle coste di Putian. E’ nota per aver dato i natali alla dea Matsu. Sull’isola vivono 38.000 abitanti, molti dei quali sono pescatori.

Vai alla scheda»
JIUZHAIGOU

JIUZHAIGOU

La Gola dei Nove Steccati

ottobre 102016

Jiuzhaigou (九寨沟) è una delle riserve più belle di tutta la Cina e si trova nella provincia del Sichuan. È nota per le sue numerose cascate e i laghi, e nel 1992 è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Vai alla scheda»
EMEISHAN

EMEISHAN

Uno dei 4 monti sacri ai buddhisti

ottobre 102016

Il monte Emei (峨嵋山, letteralmente Montagna del Sopracciglio Delicato) è una montagna nella provincia del Sichuan. L’Emei è uno dei quattro monti sacri buddhisti della tradizione cinese, insieme al Wutaishān (Shanxi), al Jiuhuashān (Anhui) e al Putuoshān (Zhejiang).

Vai alla scheda»
CHENGDU

CHENGDU

La capitale del Sichuan

ottobre 102016

Chengdu (成都), situata nel sud-ovest della Cina, è il capoluogo della provincia del Sichuan e città sub-provinciale. Più di quattromila anni fa la preistorica cultura dell’Età del Bronzo di Jinsha (金沙) si affermò in questa regione.

Vai alla scheda»
TURPAN

TURPAN

L'antica città-oasi lungo la Via della Seta

ottobre 92016

Turpan (吐鲁番), anche nota come Turfan o Tulufan, è una città-prefettura dello Xinjiang settentrionale nota storicamente per la sua posizione strategica lungo l’antica Via della Seta. Collocata in una fossa tettonica la cui massima profondità raggiunge i 155 m al disotto del livello del mare (il punto più basso della Cina e il secondo più basso del Pianeta), Turpan è rinomata per le temperature elevate e suoi vigneti, concentrati nella parte nordest del centro urbano, dove è possibile passeggiare al fresco riparati dalla vegetazione.

Vai alla scheda»
GULANGYU ISLAND

GULANGYU ISLAND

Il "giardino sul mare" di fronte a Xiamen

ottobre 92016

Situata di fronte alla città di Xiamen, Gulangyu Island (鼓浪屿) è soprannominata il “giardino sul mare”. Su una superficie di 1,87 chilometri quadrati, questa piccola isola ha un’atmosfera mediterranea, con case eleganti e giardini fioriti.

Vai alla scheda»
XISHUANGBANNA

XISHUANGBANNA

Nel regno dei Dai

ottobre 92016

La prefettura autonoma Dai di Xīshuangbanna, detta anche Sipsongpanna (西双版纳傣族自治州) è una regione situata nella provincia dello Yunnan, nell’estremo sud-ovest della Cina.

Vai alla scheda»
QIANDAO

QIANDAO

Il Lago delle Mille Isole

ottobre 92016

Il Lago Qiandao, chiamato anche il Lago delle Mille Isole (in realtà 1.078). Questo lago artificiale creato nel 1959 con il completamento della centrale idroelettrica Xin’anjiang, nasconde due piccole “Atlantide”, Hecheng e Shicheng, ancora perfettamente conservate.

Vai alla scheda»
XIJIANG

XIJIANG

Il Villaggio delle Mille Famiglie Miao

ottobre 92016

Xijiang (西江) è il più grande villaggio esistente del popolo Miao (苗), un vero museo a cielo aperto: Il “Villaggio delle Mille Famiglie di Xijiang” nella provincia del Guizhou. Si compone di più di dieci villaggi che sono stati a lungo abitati da circa 1.300 famiglie Miao.

Vai alla scheda»
CHONGQING

CHONGQING

Una delle città più grandi del mondo

ottobre 92016

Circondata dalla provincia del Sichuan, Chongqing (重庆) è una municipalità della Cina centro-meridionale con una popolazione di circa 32.355.000 abitanti. Essa rappresenta una delle 4 municipalità autonome, parificate al livello provinciale, della Repubblica Popolare Cinese, delle quali è la più popolosa, oltre che la più estesa per superficie. 

Vai alla scheda»
NANNING

NANNING

La capitale del Guangxi

ottobre 92016

Nanning (南宁) è una città-prefettura della Cina, capitale della regione autonoma del Guangxi. Si trova  a 160 km dal confine con il Vietnam

Vai alla scheda»
SHENZHEN

SHENZHEN

L'ex risaia diventata metropoli all'avanguardia

ottobre 92016

Shenzhen (深圳市) è una città sub-provinciale della Repubblica Popolare Cinese appartenente alla provincia di Guangdong nella Cina continentale meridionale.

Vai alla scheda»
HEFEI

HEFEI

La capitale dello Anhui

ottobre 92016

Hefei (合肥) è la capitale della provincia dello Anhui. Situata nella parte centrale della provincia, tra il fiume Yangtze e il Fiume Huai, confina con Huainan a nord, Chuzhou a nord-est, Chaohu a sud-est e Lu’an a ovest.

Vai alla scheda»
TA’ER SI

TA’ER SI

Il Monastero Kumbum dei Gelugpa

ottobre 92016

Disteso lungo il pendio della montagna, il Monastero Ta’er (塔尔寺) (chiamato anche Kumbum) è un meraviglioso complesso architettonico fondato nel 1583 e costituito da 9.300 strutture, tra cui le sale delle sacre scritture, le sale dei Buddha, le residenze dei lama e le pagode buddiste.

Vai alla scheda»
XINING

XINING

La capitale del Qinghai

ottobre 92016

Xining (西宁) è la capitale della provincia cinese di Qinghai. Xining ha una storia di oltre 2100 anni; fu un importantissimo centro commerciale del corridoio di Hexi (河西走廊) sulla carovaniera verso il Tibet.

Vai alla scheda»
LARUNG GAR

LARUNG GAR

Il più grande istituto buddista tibetano del mondo

ottobre 92016

Nella contea di Sêrtar (“Il cavallo d’oro” in tibetano) si trova il più grande istituto buddista tibetano del mondo, il Larung Gar (喇榮霍西文殊增慧佛學院). La maggior parte dei monaci trascorre qui dai sei a tredici anni per completare la propria formazione.

Vai alla scheda»
YARCHEN GAR

YARCHEN GAR

Il monastero più alto del mondo

ottobre 92016

Yarchen Gar (Yaqingsi in cinese 亞青寺) si trova a 4.000 metri di altitudine, 400 km a ovest di Chengdu, capitale del Sichuan, nella vecchia provincia tibetana di Kham.

Vai alla scheda»
CHANGBAI SHAN

CHANGBAI SHAN

La riserva naturale al confine con la Nord Corea

ottobre 92016

Il Changbai Shan (长白山地) è una catena montuosa situata nell’Estremo Oriente, che corre lungo il confine settentrionale tra Cina e Corea del Nord fino a giungere con l’estremità nord-orientale a breve distanza dal confine russo.

Vai alla scheda»
TAINING

TAINING

Il geoparco nel Fujian

ottobre 82016

Taining (泰宁世界地质公园) si trova nella parte nord-occidentale della provincia del Fujian. Su una superficie di 492,5 chilometri quadrati, il geoparco comprende quattro principali aree panoramiche, Shiwang, Big Golden Lake, Baxian Cliff e Monte Jinrao.

Vai alla scheda»
QINGDAO

QINGDAO

Una città dal fascino mitteleuropeo

ottobre 82016

Conosciuta anche come Tsingtao, la località marina di Qingdao (青岛) si trova nell’est della provincia dello Shandong. Confina con tre città: Yantai a nordest, Weifang a est e Rizhao a sudovest.

Vai alla scheda»
SUZHOU

SUZHOU

La Venezia dell'Est

ottobre 82016

Suzhou (苏州) è una città del Jiangsu, situata lungo la riva del Fiume Azzurro e sulle sponde del lago Taihu. La città è famosa per i suoi canali (è soprannominata la “Venezia di Cina”), i ponti di pietra, le pagode e gli splendidi giardini, che sono diventati un’importante meta turistica.

Vai alla scheda»
SANYA

SANYA

La piccola Hawaii di Cina

ottobre 82016

Sanya (三亚) è una città della Provincia di Hainan. Dopo la capitale, Haikou, è la seconda città più popolata dell’isola.

Vai alla scheda»
TEMPIO DI SHAOLIN

TEMPIO DI SHAOLIN

La culla del kung fu

ottobre 82016

Lo Shàolín-sì (少林寺) è un tempio molto importante nella storia del Buddhismo cinese. Si trova nella provincia dello Henan, collocato sul versante settentrionale del monte Sōngshān (嵩山 o Monte dei Nove Loti), nei pressi dell’antica capitale Luoyang. 

Vai alla scheda»
GROTTE DI LONGMEN

GROTTE DI LONGMEN

Un grande patrimonio di arte buddhista

ottobre 82016

Le grotte di Longmen (龍門石窟, le grotte della porta del Drago) sono una serie di santuari rupestri che si trovano vicino a Luoyang, nella provincia dello Henan.

Vai alla scheda»
CHANGCHUN

CHANGCHUN

La Detroit di Cina

ottobre 82016

Changchun (长春), situata nel nord-est della Cina, è la capitale della provincia del Jilin. E’ considerata la Detroit di Cina, grazie al suo ruolo chiave nel settore automobilistico cinese. 

Vai alla scheda»
SPIAGGIA ROSSA

SPIAGGIA ROSSA

Nel regno della suaeda salsa

ottobre 82016

La Spiaggia Rossa (红海滩) si trova nella contea di Dawa, a 30 km dalla città di Panjin (盘锦) nella provincia del Liaoning. Il suo incredibile colore è dato da un particolare tipo di alga (la Suaeda salsa) che cresce e si sviluppa nel suolo alcalino-salino.

Vai alla scheda»
MATISI

MATISI

Le grotte di alta montagna

ottobre 82016

Le Grotte di Matisi (马蹄寺石窟群) si trovano a 70 km dalla città di Zhangye (张掖), nella contea autonoma tibetana di Sunan Yugur: si tratta delle uniche grotte cinesi costruite in alta montagna, a oltre 3000 metri sopra il livello del mare. Le prime grotte sono state scavate circa 1600 anni fa.

Vai alla scheda»
SHAOXING

SHAOXING

L'antica capitale del regno Yue

ottobre 82016

Shaoxing ( 绍兴) è una città-prefettura che si trova nella provincia dello Zhejiang. La parte vecchia è ricca di canali con caratteristiche viuzze, ponti ad arco e case bianche.

SUPERFICIE: 9 278 kmq

ABITANTI: 4.912.200

ALTITUDINE: 12 m

ATTRAZIONI TURISTICHE: Orchid Pavilion Scenic Spot, East Lake Scenic Area, Big Buddha Temple of Xinchang.

 

Vai alla scheda»
LE TRE GOLE

LE TRE GOLE

Lungo il Fiume Azzurro

ottobre 82016

Le Tre Gole (Qutang, Wuxia e Xiling) sono una delle attrazioni turistiche più famose del Paese. Di queste, le prime due si trovano nel territorio della Municipalità di Chongqing, mentre la terza si trova nella provincia dello Hubei.

Vai alla scheda»
URUMQI

URUMQI

La capitale dello Xinjiang

ottobre 72016

Ürümqi o Urumqi o anche Urumchi (乌鲁木齐) è la capitale della Regione autonoma dello Xinjiang della Repubblica Popolare Cinese, nonché la città più grande della Cina occidentale e probabilmente di tutta l’Asia Centrale (se si considera ancora il Xinjiang come parte della regione). Mantiene anche il primato di città più lontana dal mare del mondo (2.500 km)  e ospita un decimo di tutta la popolazione della regione autonoma.

Vai alla scheda»
MONTE FANJING

MONTE FANJING

La montagna sacra ai buddhisti

ottobre 72016

La riserva naturale del Monte Fanjing ( 梵 净 山 – 2.572 metri) si estende su una superficie di 567 km quadrati, e dal 1986 fa parte delle Riserve della Biosfera UNESCO. Il Fanjingshan è sacro ai buddisti dai tempi dei Ming (1368-1644) e viene considerato il principale monte della provincia del Guizhou. E’ visitabile da marzo a novembre.

COSTO DEL BIGLIETTO: 110 yuan (alta stagione)/ 90 yuan (bassa stagione)

COME ARRIVARE: con un bus dalla Tongren Railway Station.

 

Vai alla scheda»
WENQUAN

WENQUAN

Il centro abitato più alto del mondo

ottobre 72016

La cittadina di Wenquan (温泉 “sorgente tiepida”) sorge nella prefettura autonoma mongola e tibetana di Haixi e si contende con La Rinconada in Perù il guinness come centro abitato più alto del mondo: 5100 metri slm. L’abitato è stato costruito nel 1955 per servire la China National Highway 109, che arriva in Tibet.

Vai alla scheda»
HOHHOT

HOHHOT

La capitale della Mongolia interna

ottobre 72016

Hohhot (呼和浩特) è una città del nord della Cina, capitale della regione autonoma della Mongolia Interna. La città fu fondata dal sovrano mongolo Altan Khan nel tardo XVI secolo.

Vai alla scheda»
SHAPOTOU

SHAPOTOU

Dove il Tengger Desert incontra il Fiume Giallo

ottobre 72016

Situata nel punto in cui il Tengger Desert (腾格里沙漠) incontra il Fiume Giallo (Huang He 黃河), Shapotou (沙坡头区), già famosa a livello mondiale per la sua stazione di ricerca sperimentale che studia la progressione e i metodi di stabilizzazione delle dune, è diventata negli ultimi anni una meta turistica molto rinomata fra i cinesi.

Vai alla scheda»
WUHAN

WUHAN

La Chicago di Cina

ottobre 62016

Wuhan ( 武汉) è il capoluogo della provincia dello Hubei, e la più popolosa città della Cina centrale. Si trova alla confluenza del Fiume Azzurro e del Fiume Han.

Vai alla scheda»
PINGYAO

PINGYAO

Il centro finanziario dell'antica Cina

ottobre 62016

Pingyao (平遥) era il più importante centro bancario cinese in epoca Ming e Qing. Con la classica pianta a forma di bagua (八卦), ha strade dove si affacciano edifici tradizionali, case con cortile interno, templi e oltre 3000 negozi antichi.

Vai alla scheda»
HUANGSHAN

HUANGSHAN

La Montagna Gialla

ottobre 62016

I Monti Huangshan (黄山, letteralmente significa “Montagna Gialla”) sono una catena montuosa che si trova nella provincia dell’Anhui, nella Cina orientale.

Vai alla scheda»
GUILIN

GUILIN

La città dei pinnacoli carsici

ottobre 62016

Guilin (桂林), situata nel Nord Est del Regione Autonoma di Guangxi Zhuang sulla riva ovest del fiume Lijiang, è una delle città cinesi più pittoresche, caratterizzata dai suoi alti pinnacoli di origine carsica.

Vai alla scheda»
HANGZHOU

HANGZHOU

La città del Lago Occidentale

ottobre 62016

Hangzhou (杭州), capoluogo della provincia di Zhejiang, è considerata una delle città più fiorenti e moderne di tutto il paese grazie alla sua vicinanza a Shanghai, alla sua posizione strategica all’estremità meridionale del Grande Canale ed alla sua ricca e lunga storia: Hangzhou, infatti, è stata una delle sette antiche capitali cinesi.  Il 4 e 5 settembre 2016 Hangzhou ha ospitato il G20.

Vai alla scheda»
LIJIANG

LIJIANG

La città dei Naxi

ottobre 62016

Lijiang (丽江市) è una città-prefettura che si trova nella provincia dello Yunnan. Il nome originale dell’antica città di Lijiang è Dayan (大研古镇). A seguito delle riforme amministrative del governo cinese di fine XX secolo, il territorio municipale è stato esteso ai confini dell’intera prefettura, che comprendono principalmente aree rurali.

Vai alla scheda»
IL DRAGO DI GIADA

IL DRAGO DI GIADA

La montagna di Lijiang

ottobre 62016

Le Montagne Nevose del Drago di Giada o Yulong Xue Shan (玉龙 雪山) sono un piccolo gruppo di vette vicine alla città di Lijiang.

Vai alla scheda»
SHILIN

SHILIN

La foresta di pietra

ottobre 62016

La foresta di pietra o Shilin (石林) è un importante raggruppamento di formazioni calcaree situate nella contea autonoma di Shilin Yi, provincia dello Yunnan, vicino Shilin e a circa 120 km dal capoluogo Kunming.

Vai alla scheda»
KUNMING

KUNMING

La città dell'eterna primavera

ottobre 62016

Kunming, capoluogo della provincia dello Yunnan, sorse nel 765 d.C. come avamposto militare del Regno di Nanzhao, e, sebbene col tempo si siano sviluppate diverse attività commerciali ed artigianali, la città ha mantenuto le caratteristiche originarie di centro burocratico-militare, tanto che la sua popolazione è cresciuta lentamente fino agli inizi del XX secolo, senza che vi siano stati dei momenti di intensa urbanizzazione.

Vai alla scheda»
ZHANGJIAJIE

ZHANGJIAJIE

Il Parco di Avatar

ottobre 62016

Il Parco forestale nazionale Zhangjiajie (湖南张家界国家森林公园) è un’area naturale protetta della Repubblica popolare cinese, situata nel territorio del comune di Zhangjiajie, nella provincia dello Hunan.

Vai alla scheda»
SHANGHAI

SHANGHAI

La capitale economica della Cina

ottobre 62016

Shanghai (上海), situata sul fiume Huangpu presso il delta del Chang Jiang, è la più popolosa città della Cina e la città più popolosa del mondo, oltre che la seconda delle quattro municipalità autonoma del Paese dopo Chongqing, in quanto la maggior parte della popolazione – oltre 45 milioni di abitanti – risiede al di fuori della città propriamente detta.

Vai alla scheda»
ESERCITO DI TERRACOTTA

ESERCITO DI TERRACOTTA

La tomba del primo imperatore cinese

ottobre 62016

L’esercito di terracotta (兵马俑) è uno straordinario insieme di statue (7000 tra soldati, arcieri e cavalli) collocato nel Mausoleo del primo imperatore cinese Qin Shi Huang (260 a.C. – 210 a.C.) a Lintong, 30 km ad est del centro di Xi’an (西安).

Vai alla scheda»
XI’AN

XI’AN

L'antica Chang'an

ottobre 62016

Xi’an (西安), l’antica Chang’an (la più vecchia delle quattro antiche capitali), è il capoluogo della provincia dello Shaanxi. Ha ospitato il quartier generale di ben 13 dinastie per 1100 anni a partire dal 221 d. C., incluse la Zhou, la Qin, la Han e la Tang. E’ per questo che la città ospita molti reperti e siti archeologici di valore, con oltre 4000 tombe e aree storiche riportate alla luce. Raggiunto il suo massimo sviluppo in epoca Tang, quando è diventata una capitale internazionale di importanza pari a Roma, Xi’an ha continuato a rivestire un ruolo cruciale come snodo lungo l’antica Via della Seta ben oltre il declino della dinastia Tang – che ne ha tuttavia compromesso lo status di capitale.

Vai alla scheda»
FUZHOU

FUZHOU

La capitale del Fujian

ottobre 62016

Fuzhou (福州) è la capitale della provincia cinese del Fujian posta sull’estuario del fiume Min sullo stretto di Formosa. Non è nota la data della sua fondazione, ma le prime mura furono costruite nel 202 a.C. E’ stata per oltre mille anni un’importante porto, centro di un florido commercio di zucchero e tè.

Vai alla scheda»
MONTE TAI

MONTE TAI

Il monte sacro ai taoisti

ottobre 62016

Il monte Tai (泰山) è la più importante delle cinque montagne sacre taoiste della Cina, situata nella provincia dello Shandong, a sud della città di Jinan. La vetta del monte Tai raggiunge i 1545 m.

Vai alla scheda»
MONTI WUDANG

MONTI WUDANG

Nella patria dei monasteri taoisti

ottobre 62016

I Monti Wudang (武当山), conosciuti anche col nome di Wu Tang Shan o semplicemente Wudang, sono una piccola catena montuosa che si trova nella provincia dello Hubei, in Cina, poco a sud della città di Shiyan.

Vai alla scheda»
LESHAN

LESHAN

Il Buddha gigante

ottobre 62016

Il Buddha gigante di Leshan (樂山大佛) è la più grande statua di pietra di Buddha del mondo. Essa è scolpita nella roccia nel punto in cui confluiscono i fiumi Minjiang, Dadu e Qingyi, vicino alla città di Leshan, nella parte meridionale della provincia del Sichuan, in Cina.

Vai alla scheda»
LANZHOU

LANZHOU

La città dorata sul Fiume Giallo

ottobre 62016

Lanzhou (兰州), 2,6 milioni di abitanti, è la capitale del Gansu. Fondata oltre 2000 anni fa, sorge sul corso superiore del fiume Giallo e deve il soprannome di “città dorata” ai proficui commerci che vi fiorirono anticamente grazie alla sua posizione lungo la Via della seta settentrionale, all’imboccatura del corridoio di Hexi, utilizzato da commercianti e militari come principale via di passaggio dalla Cina settentrionale allo Xinjiang fino all’Asia centrale.

Vai alla scheda»
JIAYUGUAN

JIAYUGUAN

L'ultimo avamposto della civiltà

ottobre 62016

Jiayuguan (嘉峪关) – 140mila abitanti – è una città industriale del Gansu settentrionale, nota per il turismo e la produzione siderurgica. A sei chilometri dall’abitato, il forte di Jiayuguan (嘉峪关关城 ) costituisce l’estremità occidentale nonché il passo meglio conservato della Grande Muraglia (il capo orientale sorge a Shanhai, nella provincia dello Hebei).

Vai alla scheda»
GROTTE DI YUNGANG

GROTTE DI YUNGANG

Tra i migliori esempi di architettura scavata nella roccia

ottobre 62016

Le Grotte di Yungang (云冈石窟) sono un antico sistema di caverne che si trova nei pressi di Datong, nella provincia dello Shanxi, in Cina. Esse sono uno dei migliori esempi di architettura scavata nella roccia e dei tre più famosi sistemi di grotte della Cina, insieme alle grotte di Mogao e alle grotte di Longmen.

Vai alla scheda»
WOLONG

WOLONG

Una meravigliosa Riserva Naturale

ottobre 62016

La riserva naturale nazionale di Wolong (卧龙自然保护区) è un’area protetta situata nella contea di Wenchuan, a 130 km da Chengdu, capitale della provincia del Sichuan. La riserva naturale di Wolong venne fondata nel 1963 e nel 1979 venne dichiarata riserva della biosfera.

Vai alla scheda»
SHANDAN HORSE RANCH
ottobre 62016

Lo Shandan Horse Ranch (山丹马场) si estende per quasi 220 mila ettari, ed ha oltre 2100 anni di storia. E’ stato infatti fondato nel 121 a.C., in quella che è oggi la contea di Zhangye, quando il famoso generale Huo Qubing ha deciso di allevare cavalli per l’esercito cinese.

Vai alla scheda»
YONGTAI

YONGTAI

La città tartaruga

ottobre 62016

L’antico villaggio di Yongtai (永泰城址), nella contea di Jingtai, è stato costruito nel 1608, durante la dinastia Ming, come fortezza militare per combattere i gruppi etnici che provenivano da nord.

Vai alla scheda»
KASHGAR
ottobre 52016

Kashgar o Kashi (喀什) è una città della regione autonoma dello Xinjiang. Si trova presso un’oasi del deserto di Taklamakan, delimitata a sud dalla catena del Karakorum, a ovest dall’altopiano del Pamir e a nord dai monti Tianshan. La strada del Karakorum la collega al Pakistan attraversando il passo Khunjerab.

Vai alla scheda»
LHASA
ottobre 52016

Lhasa (拉萨市) situata a 3.650 m di altitudine nella valle del Kyi Chu, è la principale città del Tibet. Attualmente Lhasa è quindi la capitale della Regione Autonoma del Tibet. Era già un importante centro amministrativo quando il sovrano Songten Gampo (618-649) proseguì nell’opera di unificazione del Tibet.

Vai alla scheda»
TIANSHAN
ottobre 52016

Il Tianshan (天山) è un grande sistema montuoso dell’Asia centrale. Il suo nome in cinese significa «Montagne Celesti». Esteso per circa 2500 km da ovest/sud-ovest a est/nord-est, costituisce prevalentemente il confine tra Cina e Kirghizistan e taglia in due l’antico territorio del Turkestan.

Vai alla scheda»
GUANGZHAISHAN

GUANGZHAISHAN

Tra grotte templi e giardini

ottobre 52016

Il Monte Guanzhai (冠豸山风景名胜区), nella contea di Liancheng, si trova a 270 chilometri da Xiamen. Con una superficie di 123 chilometri quadrati, è rinomato per i suoi maestosi paesaggi caratterizzati da grotte, sorgenti, templi e giardini.

Vai alla scheda»
DENGFENG

DENGFENG

Uno dei centri spirituali più importanti in Cina

ottobre 52016

Dengfeng (登封) è una città-contea nella prefettura di Zhengzhou, nella provincia cinese dell’Henan. Nei secoli passati era conosciuta come Yangcheng.

Vai alla scheda»
MONTE WUTAI

MONTE WUTAI

Una delle 4 montagne sacre del Buddhismo cinese

ottobre 52016

Il Monte Wutai (五台山), noto anche come Monte Qingliang (清涼山), situato nella provincia cinese dello Shanxi, è una delle quattro montagne sacre del Buddhismo cinese. 

Vai alla scheda»
GUANGZHOU

GUANGZHOU

La vecchia Canton

ottobre 52016

Canton (dal portoghese Cantão; in cinese Guangzhou, 廣州) è la più grande città costiera del sud della Cina, capoluogo della provincia del Guangdong (广东). La parola Canton deriva da una traslitterazione in lingua francese di Guangdong. 

Vai alla scheda»
PECHINO

PECHINO

La capitale della Cina

ottobre 52016

Pechino (北京, letteralmente “capitale del nord”) è la capitale della Cina e della municipalità omonima. L’intera municipalità ha dimensioni pari a poco più della metà del Belgio (o per fare un esempio italiano come la regione Lazio) e conta 21.516.000 di abitanti.

Vai alla scheda»
GOGURYEO

GOGURYEO

Città capitali e tombe del regno Goguryeo

ottobre 52016

Le Città capitali e tombe dell’antico regno Goguryeo sono un sito inserito nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO nel 2004.

Vai alla scheda»
DUNHUANG
ottobre 52016

Dunhuang (敦煌), nome che significa “faro scintillante”, è una città cinese nella prefettura di Jiuquan. Si trova nella parte occidentale della provincia del Gansu, lungo la celebre Via della Seta, ed è posta in uno degli incroci di culture più significativi del pianeta.

Vai alla scheda»
TRE FIUMI PARALLELI

TRE FIUMI PARALLELI

L'area protetta patrimonio Unesco

ottobre 52016

L’area protetta dei tre fiumi paralleli è un patrimonio dell’umanità che si trova nella provincia dello Yunnan, nella Cina sud-occidentale, vicino al confine con la Birmania.

Vai alla scheda»
XIDI

XIDI

L'antico villaggio patrimonio Unesco

ottobre 52016

Xidi (西递, Xīdì, letteralmente Accampamento occidentale), è un villaggio che si trova nella provincia di Anhui, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 2000 insieme all’altro villaggio di Hongcun.

Vai alla scheda»
ZHOUKOUDIAN

ZHOUKOUDIAN

Dove visse l'Uomo di Pechino

ottobre 52016

Zhoukoudian o Choukoutien (周口店) è un sistema di grotte nei pressi di Pechino, in Cina. Ha portato a numerose scoperte archeologiche, tra cui il più antico esemplare di Homo erectus, chiamato uomo di Pechino, ed ossa della iena gigante Pachycrocuta brevirostris. 

Vai alla scheda»
XANADU

XANADU

La città del Kublai Khan descritta da Marco Polo

ottobre 52016

Xanadu (上都) è un’antica città, conosciuta anche coi nomi di Shangdu, Shang-tu, To-lun, Doloon Nuur, Dolon Nor, Dolonnur o Pinyin Duolun, situata nell’attuale distretto di Zhenglan, parte della regione autonoma cinese chiamata Mongolia interna.

Vai alla scheda»
CHENGJIANG

CHENGJIANG

Il sito paleontologico patrimonio Unesco

ottobre 52016

Chengjiang (澂江县) è un sito paleontologico, situato nella prefettura di Yuxi, nella provincia cinese dello Yunnan, appena a Nord del lago Fuxian. Dal 2012 è Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Vai alla scheda»
CASCATE NUORILANG

CASCATE NUORILANG

Le cascate della valle di Juizhai

ottobre 42016

Nella valle di Jiuzhai si trovano queste splendide cascate Nuorilang, larghe 32 metri e alte 25 metri.

Vai alla scheda»
LUOPING JIULONG

LUOPING JIULONG

Le cascate dello Yunnan

ottobre 42016

Le spettacolari cascate Luoping Jiulong sono situate sul fiume Jiulong, 22 km ad est della contea di Luoping nella provincia dello Yunnan. Sono considerate tra le più belle cascate naturali di tutta la Cina.

Vai alla scheda»
CASCATE HUANGGUOSHU

CASCATE HUANGGUOSHU

Le Cascate dell’Albero dai Frutti Gialli

ottobre 42016

Le cascate Huangguoshu (黄果树瀑布; letteralmente: “Cascate dell’Albero dai Frutti Gialli”) sono una delle più grandi cascate in Asia orientale e si trovano lungo il corso del fiume Baishui vicino ad Anshun. Raggiungono un’altezza di 78 metri e 101 di larghezza. La cascata principale è alta, invece, 67 metri e larga 83. E’ consigliabile visitarle da giugno ad ottobre quando la portata è massima.

Vai alla scheda»
LAGO JINGBO

LAGO JINGBO

Il lago delle cascate Diaoshuilou

ottobre 42016

Il Lago Jingbo ( 镜泊湖) è un lago di origine vulcanica a circa quattro ore di auto da Mudanjiang. Sulle sue rive sorgono almeno due centri turistici ed una centrale idroelettrica. Circondato da gradevole vegetazione composta prevalentemente da boschi, il lago è visitabile effettuando escursioni su piccoli battelli e motoscafi.

Vai alla scheda»
PARCO XING’AN
ottobre 42016

Il Xing’an Forest Park è un parco ecologico aperto nel 1981 nella città di Yichun. Copre un’area di 6.093 ettari ad un’altitudine media di 402 metri sopra il livello del mare. La riserva ospita una quarantina di piante rare e 20 specie di animali selvatici.

Vai alla scheda»
FEILAI E FEIXIA

FEILAI E FEIXIA

Gli antichi templi sul Bei Jiang

ottobre 22016

I templi di Feilai e Feixia si trovano sul Bei Jiang e sono raggiungibile soltanto in battello. Il Feilai fu fondato circa 1400 anni fa, mentre gli edifici attuali sono soprattutto di epoca Ming. A poca distanza si trova Feixia con i suoi due templi taoisti di fine ‘800.

Vai alla scheda»
MONTE LUOFU

MONTE LUOFU

Uno dei luoghi sacri del Taoismo

ottobre 22016

Situata nella contea di Boluo, vicino alla città di Huizhou, Luofu (罗浮山) è una delle dieci montagne sacre del Taoismo in Cina. Su una superficie di 260 chilometri quadrati, la zona panoramica vanta 432 cime, oltre 980 cascate e 18 grotte.

Vai alla scheda»
RUPE DELLE SETTE STELLE

RUPE DELLE SETTE STELLE

Le sette colline calcaree sul lago

ottobre 22016

Situata a 2 km dalla città di Zhaoqing, la Rupe delle sette Stelle (七星岩, Qixing Yan) è costituita da sette colline calcaree che si affacciano su un lago (Langfeng Rock, Jade Screen Rock, Stone Chamber Rock, Heavenly Pillar Rock, Toad Rock, Immortal Palm Rock e Apo Rock). Le cime ricordano la costellazione dell’Orsa Maggiore.

Vai alla scheda»
DANXIA SHAN

DANXIA SHAN

Il parco naturale sul Fiume Jin

ottobre 22016

A 50 km dalla città di Shaoguan, si trova il Danxia Shan, uno splendido parco naturale di 290 kmq sulle rive del fiume Jin. Il Danxia cinese è un particolare paesaggio caratterizzato da formazioni di arenaria rossa e ripide scarpate.

Vai alla scheda»
MONTE QINGCHENG

MONTE QINGCHENG

Alle origini del Taoismo

ottobre 22016

Qingcheng (青城山) è una celebre montagna del Sichuan, uno dei luoghi in cui il taoismo ha avuto origine. La montagna è diventato patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2000. Il Monte è diventato celebre in Occidente per la saga di Kung Fu Panda: alcuni luoghi del film d’animazione sono ispirati al Qingcheng.

Vai alla scheda»
YADING

YADING

Tra meravigliosi paesaggi alpini

ottobre 22016

Yading (亚丁) è una riserva naturale che si trova nella contea di Daocheng, nel sud-ovest della provincia di Sichuan. Situato nella parte orientale del plateau del Qinghai-Tibet, vanta uno dei più bei paesaggi alpini in Cina. La riserva si estende su una superficie di 1.344 chilometri quadrati , con il Chenrezig che raggiunge i 6.032 metri sul livello del mare.

Vai alla scheda»
CHENGDU PANDA BASE

CHENGDU PANDA BASE

Nel regno del Panda Gigante

ottobre 22016

A 10 chilometri dal centro di Chengdu si trova il Chengdu Research Base of Giant Panda Breeding, un importante centro di allevamento e riproduzione dei Panda giganti, che con analoghi centri della regione ha realizzato quei programmi di successo che hanno consentito ai Panda di non essere più una specie in via di estinzione.

Vai alla scheda»
FIUME LI

FIUME LI

Fonte d'ispirazione per poeti e pittori

ottobre 12016

Lo scenario naturale ammirato da poeti e pittori ha reso il Fiume Li famoso in tutto il mondo. Il Lijiang (漓江), o anche semplicemente Li, è un fiume che ha origine dai monti Mao’er, nella contea Xing’an e attraversa le città di Yangshuo e Guilin.

Vai alla scheda»
HUASHAN

HUASHAN

Le pitture rupestri per il Dio dell'Acqua

ottobre 12016

Le pitture rupestri di Huashan (花山岩画, Monte del Fiore) si trovano a 25 km dalla contea di Ningming, lungo il fiume Mingjiang. Oltre 1.900 le immagini scolpite sulla roccia, tra cui figure umane, animali, barche e strade. 

Vai alla scheda»
CHENGYANG

CHENGYANG

Gli otto villaggi Dong

ottobre 12016

Chengyang (程 阳) è un distretto costituito da otto villaggi, che si trova nella contea autonoma Sanjiang Dong. Ci vivono oltre  duemila famiglia di etnia Dong, per un totale di 10.000 abitanti. Famoso è il ponte coperto “pioggia e vento” di Chengyang, dedicato agli spiriti fluviali dal popolo Dong: costruito nel 1916, è lungo 78 metri ed è costituito da legno di cedro a incastro, senza l’utilizzo di nemmeno un chiodo.

Vai alla scheda»
LINGQU

LINGQU

Il canale del primo imperatore

ottobre 12016

L’odierno Guangxi orientale venne conquistato dall’impero cinese della dinastia Qin nel 214 a.C.. Per portare la zona interamente sotto il proprio controllo, il primo imperatore cinese Qin Shi Huang fece costruire in quell’anno il canale Lingqu, che collega tuttora il fiume Xiang e il Lijiang. Lingqu è stato quindi il primo canale al mondo a collegare due valli fluviali permettendo alle navi di navigare per oltre 2 mila km.

Vai alla scheda»
ANTICO OSSERVATORIO
settembre 12016

L’antico Osservatorio astronomico (北京古观象台) fu costruito nel 1442, durante la Dinastia Ming (明朝), e ampliato durante la Dinastia Qing (清朝). Nel 1644 venne riorganizzato e ingrandito con l’aggiunta di molti strumenti di origine occidentale grazie alla collaborazione dei Gesuiti europei. L’Antico Osservatorio di Pechino sorge nell’area di Jianguomen (建国门 “la Porta Jianguo”), non distante dall’omonimo cavalcavia. Edificato ben due secoli prima di Greenwich, l’osservatorio è uno dei più antichi del mondo e copre un’area di circa 10 mila metri quadrati, incluso un contrafforte di 40 metri per 40 (appartenente alle antiche mura che circondavano la città in epoca Ming), sulla cui sommità si trovano la gran parte degli strumenti astronomici di bronzo, mentre le diverse sfere armillari e le meridiane sono sistemate sul terreno nelle vicinanze. Affiliato al Planetario di Pechino, il complesso è ora amministrato in qualità di museo.

Essendo l’imperatore considerato il Figlio del Cielo (天子), le osservazioni astronomiche e i movimenti dei diversi corpi celesti rivestivano una grandissima importanza nella Cina imperiale. Tali osservazioni erano anche vitali per la navigazione, e in quegli anni era molto comune il reclutamento di studiosi musulmani, in virtù delle loro vaste conoscenze in campo astronomico. Alla metà del XVII secolo, il Gesuita Ferdinand Verbiest venne nominato capo dell’osservatorio, e nel 1673 fu lui a supervisionare la ricostruzione e la modifica di molti degli strumenti.

Negli ultimi anni della Dinastia Qing, le truppe delle Otto Nazioni (八国联军), arrivate per sedare la rivolta dei Boxers che minacciava le Legazioni straniere a Pechino, sottrassero diversi strumenti dal sito (anche se alcuni di essi furono restituiti alla Cina da Francia e Germania al termine della I Guerra Mondiale). Anche il sismografo di Zhāng Héng (张衡 78-139 d.C), il più antico del mondo, era un tempo ospitato all’interno dell’osservatorio. Molti degli strumenti dell’epoca Ming sono ora custoditi nell’Osservatorio della Montagna Purpurea (紫金山) a Nanchino.

La zona ovest dell’osservatorio è occupata da un cortile che ospita lo Zǐwēidiàn (紫薇殿 “Palazzo del Mirto”), la Sala delle Meridiane, la Sala delle Clessidre e altre stanze accessorie. Anticamente usata come laboratorio per le osservazioni, l’area è oggi utilizzata come spazio espositivo per le varie scoperte astronomiche dell’antica Cina. Sono presenti repliche dell’antica Sfera Armillare bronzea e della sua versione ridotta di epoca Ming, come anche la Meridiana Stellare e il Tavolo Quadrato risalenti alla 元朝 Dinastia Yuan (1271-1368). All’interno del palazzo è anche visibile un’antica iscrizione autografata dall’imperatore Qing Qianlong.

 

NOME CINESE: 北京古观象台
ORARIO DI INGRESSO: 9:00 – 17:00 (chiuso il Lunedì)
BIGLIETTO DI INGRESSO: 20 rmb (converti in euro)
COME ARRIVARE: Metropolitana fino alla fermata di Jianguomen (建国门).

Autobus: Fermata 建国门南 Jiànguómén Nán sul II Anello: linee 122, 39, 43, 44, 52, 637, 638, 650. Fermata 北京站东 Běijīngzhàn Dōng su 北京站东街 Běijīngzhàn Dōngjiē: linee 122, 140, 403, 637, 668, 805, 938. Fermata 北京站口东 Běijīngzhàn Kǒudōng su 建国门内 大街 Jiànguóménnèi Dàjiē : linee 1, 52, 99, 120, 126.

DOVE MANGIARE: Tánggōng Hǎixiānfǎng 唐宫海鲜舫 (好苑店) sede di Hǎoyuàn)
Prezzo medio: 122 rmb; Gusto: 9.1; Ambiente: 9.0; Servizio: 8.7.
Indirizzo: 建国门内大街17号好苑建国酒店首层 Jiànguómén Nèidàjiē n. 17 piano terra dell’albergo Hǎoyuàn Jiànguó

Telefono: 010-65132088
Orari: tutti i giorni 08:30-21:00

Vai alla scheda»
DISTRETTO DONGCHENG
settembre 12016

Dongcheng (东城区)  è il distretto che costituisce circa la metà orientale dell’area compresa entro il secondo anello della città. I primi insediamenti umani nell’area risalgono a oltre 1000 anni fa, ma è soltanto con la fondazione della Repubblica, nel 1911, che Dongcheng è diventato formalmente distretto. La sua forma corrente deriva dalla fusione con l’ex distretto di Chongwen avvenuta nel 2010.

Con una popolazione di 535mila abitanti, copre un’area di 40,6 kmq ed è a sua volta diviso in 17 sottodistretti. Ospita la maggior parte della Pechino antica, compresi siti rinomati quali piazza Tian’anmen (天安门), la Città Proibita (Gù Gōng 故宫), il Museo nazionale (Zhōngguó Guójiā Bówùguǎn 中国国家博物馆), il Tempio dei Lama (Yonghegong 雍和宮), il Tempio di Confucio (Kǒngmiào 孔庙), il Tempio del Cielo (天坛 Tiāntán) e la zona degli hutong attorno alle Torri del tamburo e della Campana (钟鼓楼 Zhōnggǔlóu).

Turismo in Cina ha selezionato alcune attrazioni poco battute dai tour tradizionali:

Vai alla scheda»
DISTRETTO CHAOYANG
luglio 32016

Con un’ampiezza di 475 chilometri quadrati e 3,6 milioni di abitanti, Chaoyang (朝阳区) è il distretto più grande e più popoloso di Pechino, seguito da Haidian. E’ noto per essere il quartiere delle ambasciate (fino agli anni ’50 ospitate nel più centrale Quartiere delle Legazioni), della vita notturna e del business, concentrati rispettivamente nell’area di Sanlitun (三里屯) e Guomao (国贸). E’ inoltre meta di shopping nonché sede del famigerato mercato dei falsi, la Silk Street (秀水街), e dell’Olympic Green, il parco olimpico costruito in occasione dei Giochi del 2008.

Vai alla scheda»
DISTRETTO HAIDIAN
giugno 32016

Collocato nell’estremità occidentale del nucleo urbano, Haidian (海淀区) è il secondo distretto più grande di Pechino dopo Chaoyang. Copre un’area di 431 chilometri quadrati e vanta una popolazione di 2,24 milioni di abitanti. Molti, tuttavia, sono i residenti non compresi nel computo ufficiale considerato l’alto numero di studenti concentrati nell’area, nota sopratutto per essere il quartiere universitario della capitale cinese. Tanto che lo scrittore Lao She (1899-1966) nel suo romanzo “Risciò” lo descrive come un “villaggio studentesco” .

Il quartiere è stato fondato sotto la dinastia Yuan e sotto i Qing è diventata una delle principali otto zone commerciali della città, dando ospitalità ad antiche attività di vendita e ristorazione come Quanjude (全聚德 il più famoso ristorante specializzato nell’anatra laccata) e il ristorante musulmano Hongbin House (鸿宾楼), fondato nel 1853. All’indomani del varo delle riforme economiche fine anni 70, Haidian è diventata inoltre sede di quella che viene tutt’oggi considerata – assieme a Shenzhen – la Silicon Valley cinese, ovvero Zhongguancun (中关村), importante hub IT e dell’elettronica.

 

Vai alla scheda»
CATEGORIA PROVINCE RATING

Lista Completa

Ti piace questo sito? Condividici! Grazie :)