Navigation Menu
BASHA

BASHA

L'ultima tribù di uomini armati

Un villaggio dove il tempo si è fermato e la modernizzazione è rimasta a qualche chilometro di distanza. Sembra quasi di stare sul set di un film d’epoca quando si arriva a Basha (芭莎苗寨): si viene accolti all’ingresso del paese da uomini armati di lunghi fucili tradizionali che sparano in aria per dare il benvenuto ai visitatori. E i fucili sono presenti ovunque, dal momento che quella di Basha (come recita un’insegna in legno all’entrata del paese) è l’ultima tribù di uomini armati rimasta in Cina. E, a quanto pare, legale. 

Sdraiato sul confine meridionale del Guizhou, il villaggio di Basha conta circa mille residenti di etnia Miao che vivono dentro abitazioni tradizionali di legno, chiamate diaojiaolou (吊脚楼), nascoste dentro una foresta. Quella stessa foresta dove gli antenati combattevano un tempo briganti e orsi per difendere la propria terra. Ed è proprio questo forte senso di cautela, ereditato dagli antenati, che ha mantenuto isolato fino ad oggi questo paese dal mondo esterno. Gli abitanti conducono una vita autosufficiente, conservando costumi antichi. Dall’adorazione degli alberi fino al particolare taglio di capelli.

 

I boschi intorno al villaggio sono il regno degli aceri ad alto fusto. In occasioni importanti o durante le feste tradizionali, gli abitanti di Basha bruciano incenso sotto questi grandi alberi antichi per garantirsi salute e felicità. Ma il rapporto degli abitanti con gli alberi, e in particolare con gli aceri, è ancora più profondo: infatti, quando nasce un bambino nel villaggio si pianta un albero. E sarà proprio quell’albero, una volta che quel bambino è diventato vecchio, a fornire il legno per costruire la bara in cui verrà sepolto.

Un altro elemento distintivo è rappresentato dall’acconciatura machile. Fino all’età di 16 anni i capelli dei giovani Miao sono raccolti in una lunga coda e non vengono mai tagliati se non ai lati. Raggiunta questa età, si celebra nel villaggio il “Rito del Taglio dei Capelli” per festeggiare il passaggio all’età adulta. I capelli vengono rasati con un falcetto (l’abilità dei “barbieri” del villaggio nell’usare questo strumento è strabiliante) e i capelli rimasti vengono raccolti in un nodo sulla nuca a formare un perfetto chignon. Gli uomini del villaggio vanno fieri del loro chignon e lo considerano un simbolo di virilità.

NOME CINESE: 芭莎苗寨
ALTITUDINE:  600 metri slm
BIGLIETTO DI INGRESSO: 60 yuan (converti in euro)
COME ARRIVARE: Il villaggio si trova a 7 km da Congjiang che è servita da un bus a lunga distanza che parte da Guiyang ogni giorno alle 9:00 e impiega circa 6 ore. I treni ad alta velocità sulla linea Guiyang-Guilin-Guangzhou fermano anche a Congjiang. Una volta qui potete raggiungere Basha in vari modi.
MIGLIOR PERIODO PER UNA VISITA:  da maggio ad ottobre.
I Diaojiaolou sono residenze tipiche di alcune minoranze etniche (Miao, Zhuang, Buyi, Dong, Shui, Tujia) e si trovano nelle province cinesi del sud-ovest (Yunnan, Guangxi, Hunan, Guizhou, Hubei e Sichuan).

VEDI LA GALLERY

guizhou-basha-miao-village




Booking.com


Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.