Navigation Menu
KORLA

KORLA

La città lungo il fiume Kaidu

Korla, o Kuerle in mandarino (库尔勒), è una città del Xinjiang centrale, capitale della prefettura di Bayin’gholin Mongol, la più grande della Cina estesa grossomodo quanto la Francia. La popolazione locale comprende 23 diverse etnie, di cui le minoranze (i non-Han) compongo il 30,1% del totale. Collocata 200 chilometri a sud-ovest di Urumqi, giocò un ruolo di primo piano nella protezione dell’antica Via della Seta dalle scorrerie dei nomadi provenienti da nord, grazie alla sua posizione facilmente difendibile in prossimità del passo Tienmen (铁门关). La città, delimitata a nord dai monti Tianshan e a sud dal deserto del Taklamakan, è una delle poche dello Xinjiang ad essere attraversata da un fiume, il Kaidu (开都河), un’importante fonte idrica per la regione citata persino nel romanzo di epoca Ming “Viaggio verso Occidente”.

Le abbondanti risorse naturali hanno facilitato lo sviluppo dell’industria agricola – nota sopratutto per la produzione delle famose “pere fragranti”  (库尔勒香梨) – che insieme al settore estrattivo costituisce uno dei due pilastri dell’economia locale. Korla è infatti un importante centro operativo di PetroChina, una delle più grandi aziende petrolifere cinesi accorse nell’area in seguito alla scoperta di giacimenti nel Taklamakan.

 

Di Korla (all’epoca Yuli 尉犁) si parla nel Libro degli Han, che copre il periodo 125 a.C.-23 d.C. Più tardi fu tra i regni ad aver rifiutato di sottomettersi al generale cinese Ban Chao dopo la ribellione dei Territori Occidentali (106-125). Ma fino al III secolo è stata considerata perlopiù una costola del vicino regno di Karashahr. Attraversando “Korlia” nel suo viaggio da Pechino all’India, nel 1887 l’esploratore britannico Francis Younghusband la descrisse come prospera e circondata da ottime coltivazioni, con più terra coltivata di qualsiasi altra città avesse visitato.

Da un punto di vista turistico la zona offre sia siti storici (come le vicine Loulan 楼兰故城, Ruoqiang 若羌市 e Niya 尼雅遗址) che naturalistici, quali il lago dei Cigni e la prateria di Bayanbulakle (巴音布魯克草原), a 250 chilometri dalla città. Ogni anno dal 4 al 6 giugno qui si tiene la fiera del Nadam, un evento che comprende corse a cavallo, danze, gare di tiro con l’arco e molto altro. Il clima è desertico con ampie escursioni nell’arco delle 24 ore.

 

NOME CINESE: 库尔勒
ABITANTI: 430.000
SUPERFICIE:  7.219 kmq
ALTITUDINE:  934 metri slm
COME ARRIVARE: la città è collegata con voli aerei giornalieri  a Urumqi e settimanali a Chengdu, Jinan e Pechino. E’ raggiungibile in treno da Urumqi, Turpan, Hami e Kashgar.
MIGLIOR PERIODO PER UNA VISITA:  estate per ammirare il lago dei cigni di Bayanbulak , in autunno per visitare le praterie.

 




Booking.com

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.