Navigation Menu
LINXIA

LINXIA

La Mecca cinese

  • Categoria:
  • Nome e provincia: LINXIA, GANSU

Linxia (临夏市, precedentemente nota come Han, Daohe e Hezhou), è una città-contea capoluogo dell’omonima Prefettura Autonoma Hui. Situata nella valle del fiume Daxia (大夏河), un affluente del fiume Giallo, deve il suo status alla presenza prevaricante della minoranza musulmana Hui, che conta per il 51,4 per cento dell’intera popolazione locale, stimata intorno ai 250mila abitanti. Confina a est con la città di Dingxi, a sud con la prefettura autonoma tibetana di Gannan, a nord con la capitale provinciale del Gansu, Lanzhou, mentre a ovest i monti Anemaqen (阿尼玛卿) fungono da barriera naturale con la vicina provincia del Qinghai. La propaggine settentrionale della municipalità è delimitata dall’altopiano del Loess. 

Il nucleo rubano è perlopiù concentrato sulla riva sinistra del Daxia e si divide in 10 sottodistretti (jiedao), di cui sei compresi nell’area cittadina propriamente detta, e quattro dislocati nelle zone rurali e semirurali. Il distretto centrale in cui si concentrano le attività commerciali, di svago e le sedi governative, dista un paio di chilometri a nord del fiume. Tuanjie Lu (团结路 “La strada dell’Unità) è quella che può essere considerata l’arteria cittadina principale, che attraversa la città da nord a sud. L’area commerciale, dove si snodano i vibranti mercati di strada, è quella compresa tra l’ex porta sud e il fiume Daxia.

A ovest e sudovest del centro, invece, è possibili immergersi nel vecchio quartiere musulmano, punteggiato di moschee e santuari gongbei (拱北, “cupola”), termine utilizzato dagli Hui per indicare i complessi islamici eretti sopra le tombe dei maestri sufi. Il nome deriva dal fatto che i sepolcri sono di solito sormontati da una cupola. Molti di questi edifici sono stati abbattuti durante la Rivoluzione Culturale (tra il 1958 e il 1966) e ricostruiti negli anni ’80 con l’inserimento della libertà religiosa tra i diritti costituzionali.

 

 

Nel corso della storia, Hezhou è stata un’importante snodo per i flussi carovanieri tra Cina e Medio Oriente. Quando, infatti, in epoca Song (960-1279) la dinastia dei Xia occidentali prese possesso del ramo settentrionale della Via dell Seta, la cintura meridionale Didao-Hezhou-Xining acquistò una notevole importanza come via alternativa, trasformando le tre città in rinomati centri commerciali. E’ così che nella seconda metà del 1600 Linxia divenne un famoso polo religioso e culturale, tanto da guadagnarsi il soprannome di “piccola Mecca”cinese.

Fu meta di pellegrinaggio del sufi di Kasghar (Xinjiang) Āfāq Khoja e ospita tutt’oggi le spoglie dei discepoli Ma Tai Baba e Qi Jingyi, fondatore del ramo cinese della confraternita mistica Qadiriyyah. Ma è soltanto verso la metà del XVII secolo che la cultura religiosa locale ha vissuto un reale periodo di fioritura, quando Hezhou è diventata sede dell’ordine Huasi, la prima e più importante deriva cinese della confraternita sufi Naqshbandiyya. Non fa strano che durante la ribellione armata che squassò la Cina nel 1862, Linxia sia diventata una dei centri nevralgici della resistenza musulmana anti-Qing.

 

NOME CINESE: 临夏市
SUPERFICIE: 88,6 kmq
POPOLAZIONE: 250.000
ALTITUDINE: 1.890 metri slm
COSA VEDERE: Moschea Nanguan (南关清真寺): costruita sotto la dinastia Yuan (1271-1368), è una delle moschee più importanti del nordovest della Cina. L’edificio, situato sulla Jiefang Lu (解放路) vicino al fiume Hongshui, conserva uno stile tutto particolare dovuto alla commistione di elementi architettonici cinese e arabi. L’ingresso è gratuito.
Da Gongbei (大 拱北, “Il Grande Gongbei”): si trova vicino al Parco Hongyuan (红园), a nord-ovest del centro della città. Costruito sul mausoleo di Qi Jingyi (1656-1719), è il centro principale della scuola sufi Qadiriyyah in Cina.
Tempio buddhista Wanshou (万寿寺): arroccato sull’altopiano del Loess a nordest del centro urbano, offre una bella vista sulla città. E’ stato costruito sotto la dinastia dei Wei settentrionali (386-534 d. C.), ma molte delle parti principali sono state ricostruite negli anni ’80.
COME ARRIVARE: con bus in partenza dalla stazione dei pullman a lunga distanza (长途车站) ogni 30 minuti dalle 7.00 alle 19.00 (33 rmb; 3 ore).
MIGLIOR PERIODO PER UNA VISITA: in estate o autunno per apprezzare il clima fresco e la raccolta della frutta.

 

VAI ALLA GALLERY

14380147_10210211799672512_7360949377837660138_o-1

 


 

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.