Navigation Menu
LUOSHUI

LUOSHUI

L'ultimo villaggio delle donne

Luoshui (落水) è un villaggio della provincia sud-occidentale dello Yunnan, nella contea di Ninglang. Sorge sulle sponde del lago Lugu (泸沽湖) ed è diviso in due parti: nella sezione occidentale presenta costruzioni perlopiù basse e antiche, in quella orientale, maggiormente turistica, vi sono edifici più alti e moderni. Le abitazioni hanno tutte una struttura lignea che assicura una temperatura fresca in estate e resiste bene in caso di terremoto. La popolazione locale è di 3259 persone, di cui 3196 impiegati nell’industria agricola.

Il villaggio è conosciuto soprattutto per il piccolo gruppo etnico dei mosuo (摩梭, mósuō) che vi risiede. Con una popolazione complessiva di circa 50.000 individui, sparsi tra Yunnan e Sichuan, si tratta di un’etnia formatasi localmente in seguito ad una massiccia migrazione dal Tibet attorno all’anno 1000. Un’altra parte dei nuovi arrivati avrebbe invece proseguito più a sud sino all’attuale Lijiang, dove si è cristallizzata a formare l’etnia Naxi. Dopo molti secoli, i due gruppi hanno sviluppato una notevole differenza etno-linguistica, sebbene per la classificazione in uso nella Repubblica Popolare Cinese l’etnia Mosuo appartenga allo stesso gruppo dei Naxi. L’origine spiega il motivo per cui, oltre a praticare l’antico culto animista daba (达巴教), i mosuo seguono sopratutto il buddhismo tibetano.

 

La cittadina è nota come il “villaggio delle donne”, vantando una delle ultime organizzazioni sociali matriarcale e matrilineari. Ogni componente di ciascun clan prende il nome della donna più anziana, la madre del clan, che viene normalmente affiancata dal fratello nella gestione degli affari esterni. I nomi, come la proprietà della casa e della terra, sono esclusivamente ereditati dalla stirpe femminile; soltanto il potere politico rimane nelle mani degli uomini. La scelta del partner avviene durante le danze in onore della dea dell’Amore. I prescelti hanno il diritto di andare a trovare le donne nella propria camera da letto la notte stessa, salvo poi lasciarla all’alba, una pratica conosciuta in cinese come zou hun (走婚). Questo presuppone, infatti, che le donne e gli uomini vivano ognuno per conto proprio con il clan di origine. A prendersi cura dei nipoti sono invece i fratelli delle ragazze, a cui è affidata la paternità sociale dei bambini.

A causa delle abitudini sessuali disinvolte, per molto tempo le mosuo sono state dipinte come libertine. In realtà, anche se in teoria la tradizione prevede che le donne possano cambiare compagno a proprio piacimento, alcuni studi antropologici rivelano che la tendenza più diffusa è quella della “monogamia seriale”, che consiste nel mantenere una relazione stabile con una persona per molto tempo. A volte per tutta la vita.

Di Luoshui si parla dettagliatamente in “Il Regno delle Donne” (edito da Nottetempo, 2013), un resoconto del medico e fotoreporter argentino Ricardo Coler che ha vissuto nel villaggio per diversi mesi, studiando le tradizioni mosuo.

 

NOME CINESE: 落水
SUPERFICIE: 55,60 kmq
POPOLAZIONE: 3.259
ALTITUDINE: 2.700 metri slm
COME ARRIVARE: il lago Lugu dista 200 chilometri da Lijiang. Ogni mattina alle 8:00 partono dei pulmini dalla Lijiang Red Sun Square (麗江民主路紅太陽廣場) che impiegano 6 ore a raggiungere il lago (70 rmb). Il percorso prevede una tappa nella cittadina di Ninglang, a circa 3 ore di minibus dal lago. Qui eventualmente è possibile fare un cambio di mezzo.
MIGLIOR PERIODO PER UNA VISITA: in estate. La temperatura media annua è di 9,3° C.

 




Booking.com


Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.