Navigation Menu

100 POSTI DA VEDERE IN CINA

100 POSTI DA VEDERE IN CINA

La Cina nell’immaginario della grande maggioranza degli italiani e degli Occidentali è il paese di Pechino con la Città Proibita, la Grande Muraglia, le Tombe Ming, i grattacieli di Shanghai, i Guerrieri di Terracotta. E d’altronde ancora molti viaggi in Cina sono limitati a queste poche mete.

Eppure la Repubblica Popolare Cinese ha una superficie pari a quella degli Stati Uniti d’America: ma al contrario di questi, di cui sapremmo elencare decine di attrazioni turistiche dall’East fino alla West coast, nel caso della Cina non siamo in grado di superare la decina, oltre ad avere difficoltà ad individuarle su una mappa.

 

 

Con questo articolo vi dimostreremo che esistono almeno 100 ATTRAZIONI TURISTICHE che valgono il prezzo di un viaggio in Cina. Attrazioni che toccano antico e moderno, paesaggi e natura incontaminata, siti religiosi e villaggi di minoranze etniche, montagne tra le più alte del pianeta e sterminate pianure. E poi deserti e mare, laghi e fiumi.

Arriverete alla fine di questo articolo e non potrete fare a meno di spalancare la bocca. Siamo sicuri che da domani vedrete la Cina con tutti altri occhi.

Buon viaggio!


100-attrazioni-top-cina


ahnui-hongcun

1

Situato nella contea di Yixian, ai piedi del versante sud-occidentale del monte Huangshan, l’antico villaggio di Hongcun con le sue 150 residenze risalenti alle dinastie Ming e Qing è stato inserito nel 2000 tra i Patrimoni dell’umanità UNESCO.


anhui-huangshan

2

I Monti Huangshan (黄山, Huangshan letteralmente significa “Montagna Gialla”) sono una catena montuosa che si trova nella provincia dello Anhui, nella Cina orientale. L’area è famosa per le sue bellezze paesaggistiche: vi si trovano infatti picchi granitici, i pini dello Huangshan (alberi tipici della regione dalle forme modellate dalle intemperie) e vi si possono inoltre ammirare le formazioni nuvolose dall’alto.


anhui-jiuhuashan

3

Il Monte Jiuhua (九 华山) è una delle quattro montagne sacre del Bhuddismo cinese. Si trova nella contea di Qingyang nella provincia dello Anhui, ed è famosa per il suo paesaggio ricco, i templi antichi e i santuari, molti dei quali sono dedicati a Ksitigarbha (nota in cinese come Dizang).


chongqing-baodingshan

4

Le statue del Baoding Shan sono una serie di sculture religiose risalenti al VII secolo che si trovano a Dazu, nei pressi di Chongqing. Esse rappresentano immagini del Confucianesimo, Buddhismo e Taoismo e consistono di circa 50.000 statue con oltre 100.000 iscrizioni ed epigrafi, inserite nel 1999 nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.


chongqing-le-tre-gole

5

Le Tre Gole (Qutang, Wuxia e Xiling) sono una delle attrazioni turistiche più famose del Paese. Di queste, le prime due si trovano nel territorio della Municipalità di Chongqing, mentre la terza si trova nella provincia dello Hubei. Qutang è la prima delle Tre Gole ed è la più corta e insidiosa tra le tre. Wuxia è invece considerata la più bella, con la sua acqua limpida e l’eccezionale paesaggio montano.


fujian-gulangyu

6

Situata di fronte alla città di Xiamen, Gulangyu Island è soprannominata il “giardino sul mare”. Su una superficie di 1,87 chilometri quadrati, questa piccola isola ha un’atmosfera mediterranea, con case eleganti e giardini fioriti.


fujian-monti-wuyi      

7

I Monti Wuyi (武夷山) sono una catena montuosa che si trova sul confine fra le province di Fujian e Jiangxi, 200 chilometri a nordovest di Fuzhou. Si estendono su di una superficie di 60 chilometri quadrati e dal 1999 la catena montuosa è stata inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.


fujian-tulou

8

Il Tulou (土楼) è un’abitazione contadina collettiva, costruita a fortezza, residenza tradizionale del popolo degli Hakka nella Cina meridionale costruite in gran parte tra il XII e il XX secolo (nella galleria vari tulou nel Fujian). Nel 2008 l’UNESCO ha inserito queste opere tra i patrimoni dell’umanità. Tre le aree principali dove sono presenti tolou: Chuxi (Yongding), Nanjing, Hua’an.


gansu-dunhuang

9

Dunhuang era l’ultima oasi per i viaggiatori diretti verso l’Occidente lungo la Via della Seta, prima della separazione della grande via in due diramazioni, necessarie per evitare di attraversare il deserto di Taklamakan.


gansu-forte-jiayuguan

10

La fortezza militare di Jiayuguan segnava il punto di partenza occidentale della Grande Muraglia.Costruita nel 1372, è stata per decenni un fondamentale snodo dei trasporti lungo la Via della Seta durante la dinastia Ming.


gansu-maijishan

11

Poste lungo la Via della Seta, le Grotte di Maijishan (麥積山石窟) sono un gruppo di 200 grotte a carattere buddhista scavate sul fianco del monte omonimo (Il Monte del Covone di Mais, 1742 metri slm), nella provincia del Gansu.


gansu-mogao

12

Nel Gansu si trova uno dei luoghi più simbolici dell’antica Via della Seta: le Grotte di Mogao a Dunhuang, un sistema di 492 templi scavati nella roccia, in una rupe lunga 1600 metri, che conservano il più grande tesoro di arte buddhista della Cina.


gansu-montagne-colorate

13

Il Parco geologico di Zhangye Danxia (meglio conosciuto come “Montagne Colorate”) è un’area protetta situata a nord-ovest della città di Zhangye, nella provincia di Gansu. Questa attrazione di 510 chilometri quadrati si trova tra le contee di Linze (临泽 县) e Sunan (肃南) lungo la catena montuosa del Qilian Shan.


gansu-xiahe

14

Situata a 3 mila metri di quota ai bordi dell’altopiano tibetano, Xiahe è famosa per essere sede del monastero di Labrang. Labrang, oltre a essere uno dei sei maggiori monasteri fuori dai confini del Tibet, è anche la più grande struttura buddhista dell’Amdo.


guangdong-danxia-shan

15

A 50 km dalla città di Shaoguan, si trova il Danxia Shan, un parco di 290 kmq sulle rive del fiume Jin. Il Danxia cinese è un particolare paesaggio caratterizzato da formazioni di arenaria rossa e ripide scarpate.


guangdong-kaiping

16

I diaolou (碉樓) sono torri fortificate a più piani, generalmente costruite in cemento armato. Queste strutture si trovano principalmente nei pressi della città provinciale di Kaiping, nella provincia del Guangdong, nella Cina meridionale.


guangxi-detian

17

Le cascate Detian-Ban Gioc, circondate da splendide colline di origine carsica, separano la Cina (145 km da Nanning, capitale del Guangxi) dal Vietnam (270 km da Hanoi). Larghe 200 metri e alte 70, sono le cascate binazionali più grandi dopo quelle del Niagare sul confine tra Canada e Stati Uniti.


guangxi-fiume-li

18

Lo scenario naturale ammirato da poeti e pittori ha reso Yangshuo famosa in tutto il mondo. Il Lijiang (漓江), o anche semplicemente Li, è un fiume che ha origine dai monti Mao’er, nella contea Xing’an e attraversa le città di Yangshuo e Guilin. È lungo 437 chilometri ed è affiancato da centinaia di verdi colline che danno luogo ad un paesaggio carsico di rara suggestione, con picchi alti fino a 300 metri.


guangxi-longji

19

Le risaie a terrazze di Longji (dette anche Longsheng) si trovano nella contea di Longsheng e coprono un’area di circa 66 chilometri quadrati. Vennero costruite dalla minoranza etnica degli Zhuang.su ripide colline alte mille metri durante la dinastia Yuan (1271-1368) per poi essere portate a termine sotto la dinastia Qing (1644-1911).


guizhou-chishui

20

La Riserva Naturale di Chishui (letteralmente “Acqua Rossa”) si trova nel nord della provincia di Guizhou. Su una superficie di 630 km quadrati, si alternano vaste foreste subtropicali, innumerevoli fiumi, torrenti e laghi e una grande varietà di piante. Vi sono anche diverse cascate, tra cui quella che si trova nella riserva Shizhang Dong, alta 72 metri.


guizhou-huangguoshu

21

Le cascate Huangguoshu (黄果树 瀑布; letteralmente: “Cascate dell’Albero dai Frutti Gialli”) sono una delle più grandi cascate in Asia orientale e si trovano lungo il corso del fiume Baishui vicino ad Anshun. Raggiungono un’altezza di 78 metri e 101 di larghezza. La cascata principale è alta, invece, 67 metri e larga 83. E’ consigliabile visitarle da giugno ad ottobre quando la portata è massima.


guizhou-xijiang

22

E’ il più grande villaggio esistente del popolo Miao, un vero museo a cielo aperto: Il “Villaggio delle Mille Famiglie di Xijiang” nella provincia del Guizhou. Si compone di più di dieci villaggi che sono stati a lungo abitati da circa 1300 famiglie Miao.


guizhou-zhaoxing

23

Oltre ad essere uno dei più bei villaggi etnici di tutta la Cina, è anche il più grande e antico villaggio del popolo Dong. Si tratta di Zhaoxing, provincia del Guizhou, in cui vi abitano circa mille famiglie in 800 case tradizionali di legno. Le 5 Torri del Tamburo e altrettanti ponti del Vento e della Pioggia rendono questo luogo magico soprattutto durante il Grand Song, il celebre festival di musica folk tipica dei Dong e tramandata di generazione in generazione da oltre 2500 anni.


hainan-tianya

24

A 25 km da Sanya si trova la spiaggia di Tianya Haijiao (letteralmente: “I margini del cielo, gli angoli del mare) resa famosa dalla roccia che compare sulle banconote da 2 yuan.


hainan-yalong

25

La baia di Yalong è probabilmente la migliore spiaggia dell’isola di Hainan. Si trova a est della città di Sanya ed è una distesa di 7 km di sabbia bianca.


hebei-chengde

26

La località montana di Chengde (避暑山庄, letteralmente: “luogo di soggiorno montano per evitare il caldo”), ospita il palazzo estivo della Dinastia Qing. Tutto questo complesso venne costruito fra il 1703 e il 1792, durante un lasso di tempo di ben 89 anni. Esso si estende su di una superficie di 5,6 chilometri quadrati, cioè circa metà dell’area urbana di Chengde. Si tratta di un vastissimo complesso di palazzi ed edifici amministrativi e cerimoniali. I giardini imperiali e vari templi di diversi stili architettonici si fondono armoniosamente in un paesaggio di laghi, prati e foreste. Oltre al suo interesse puramente estetico, questo luogo riveste anche un interesse storico in quanto rappresenta l’ultimo sviluppo della società feudale in Cina.


hebei-jinshaling

27

Jinshanling (金山岭), è una sezione della Grande muraglia cinese nell’area montuosa della contea di Luanping, 120 km a nord-est di Pechino. Questa sezione è collegata a quella di Simatai. Fu costruita a partire dal 1570 sotto la dinastia Ming. La sezione Jinshanling è lunga 10,5 km con 5 attraversamenti, 67 torri e 2 torri d’avvistamento. La sezione iniziale è stata restaurata per riportarla alle condizioni originarie, ma lo stato di conservazione peggiora muovendosi verso Simatai.


hebei-shanhaiguan

28

Il Passo Shanhai, conosciuto in cinese come Shanhaiguan (山海关, il passa tra i monti e il mare), è uno dei più importanti passi della Grande Muraglia, dove la stessa incontra il mare. Il Passo Shanhai si trova nel distretto di Shanhaiguan, nella contea di Qinhuangdao, a circa 300 km da Pechino. La porzione di muraglia che incontra il Mar Bohai è soprannominato “Old Dragon Head” (老 龙头).


heilongjiang-harbin

29

Aperto nel 1999, l’Harbin Ice and Snow World è l’esposizione d’arte di neve e ghiaccio più grande al mondo. Copre un’area di 750.000 mq, pari a 300.000 metri cubi di ghiaccio. Ogni anno il tema centrale del festival varia in modo da offrire ai visitatori un’esperienza sempre senza precedenti. Il momento migliore per ammirare le sculture è la sera, quando le luci colorate danno risalto alle istallazioni.


heilongjiang-jingbo

30

Il Lago Jingbo ( 镜泊湖) è un lago di origine vulcanica a circa quattro ore di auto da Mudanjiang. Sulle sue rive sorgono almeno due centri turistici ed una centrale idroelettrica. Circondato da gradevole vegetazione composta prevalentemente da boschi, il lago è visitabile effettuando escursioni su piccoli battelli e motoscafi. La maggiore attrattiva sono le cascate (Diaoshuilou) che danno origine al suo estuario.


henan-kaifeng

31

L’antica città fortificata di Kaifeng fu una delle capitali storiche della Cina durante la dinastia Song, che la abbandonò a seguito di un’invasione e per circa 900 anni fu sede di una comunità ebraica, l’unica conosciuta in Cina prima del XIX secolo. Oggi è una città affascinante piena di templi e pagode.


henan-longmen

32

Le grotte di Longmen (龍門石窟, le grotte della porta del Drago) sono una serie di santuari rupestri che si trovano vicino a Luoyang, nella provincia di Henan. La costruzione del complesso iniziò nel 493 d.C. sotto l’imperatore Xiaowen della dinastia dei Wei Settentrionali (386-534) e comprende 2.345 grotte e nicchie, 2.800 iscrizioni, 43 pagode e oltre 100 mila immagini del Buddha.


henan-shaolin

33

Lo Shàolín-sì (少林寺) è un tempio molto importante nella storia del Buddhismo cinese. Si trova nella provincia dello Henan, collocato sul versante settentrionale del monte Sōngshān (嵩山 o Monte dei Nove Loti), nei pressi dell’antica capitale Luoyang. In tempi più recenti, il Tempio di Shàolín venne collegato alla pratica delle arti marziali.


hubei-pagoda-gru-gialla

34

La Pagoda della Gru Gialla (黄鹤楼) è la ricostruzione di un antico monumento del III secolo d.C. che fu elevato per ricordare la visita di uno degli Otto Immortali Taoisti che salì la collina in sella ad una gru gialla. Da qui il nome “Rupe della Gru Gialla”.


hubei-wudang

35

I Monti Wudang (武当山), conosciuti anche col nome di Wu Tang Shan o semplicemente Wudang, sono una piccola catena montuosa che si trova nella provincia dello Hubei, in Cina, poco a sud della città di Shiyan. Sono monti sacri e mete di pellegrinaggio per i fedeli taoisti e rappresentano una delle mete più rilevanti per il turismo cinese.


hunan-fenghuang

36

L’antica città di Fenghuang è stata costruita nel 1704 e si trova nell’angolo sud-ovest della parte occidentale della provincia di Hunan, ai piedi di una montagna. Fenghuang significa  ‘Fenice’, il mitico Uccello dal buon auspicio e della longevità che si consuma nel fuoco per rinasce dalle proprie ceneri.


hunan-porta-cielo-tianmen

37

Sul monte Tianmen per arrivare alla Porta del Cielo bisogna salire 999 gradini.


hunan-zhangjiajie

38

Il Parco forestale nazionale Zhangjiajie (湖南张家界国家森林公园) è un’area naturale protetta della Repubblica popolare cinese, situata nel territorio del comune di Zhangjiajie, nella provincia dello Hunan. Si trova all’interno di un’area più ampia chiamata la Wulingyuan Scenic Area che nel 1992 venne riconosciuto come Patrimonio mondiale Unesco. Un’area di questo parco è stata l’ispiratrice delle catene montuose del celebre film Avatar di James Cameron.


jiangsu-mausoleo-sun-yat-sen

39

Il Mausoleo di Sun Yat-sen si trova sulla Zijin Shan, la “collina purpurea” che domina la città di Nanjing. Costruito nel 1929 come luogo di sepoltura di Sun Yat-sen (1866-1925), considerato il padre della Cina moderna e uno dei più importanti rivoluzionari cinesi, il mausoleo, che è stato progettato dall’architetto Lu Yanzhi e occupa una superficie di circa 80.000 mq.


jiangsu-nanchino

40

Nanchino (南京, Nanjing) è il capoluogo della provincia dello Jiangsu in Cina e ha un posto d’onore nella storia e nella cultura cinese, essendo stata la capitale della Cina per molto tempo. Posizionata nel bacino di drenaggio del fiume Azzurro e nella zona economica del delta dello stesso, Nanchino è da millenni una delle più importanti città cinesi ed è riconosciuta come una delle quattro grandi antiche capitali della Cina.


jiangsu-suzhou

41

Suzhou (苏州) è una città del Jiangsu, situata lungo la riva del Fiume Azzurro e sulle sponde del lago Taihu. La città è famosa per i suoi canali (è soprannominata la “Venezia di Cina”), i ponti di pietra, le pagode e gli splendidi giardini, che sono diventati un’importante meta turistica.


jiangxi-huangling

42

L’antico villaggio di Huangling (篁岭) ha quasi 600 anni di storia e si trova nella contea di Wuyuan, considerata tra le più belle zone di campagna in Cina. Questo caratteristico borgo è custode di un’antica e affascinante tradizione legata alla civiltà contadina, chiamata shaiqiu (晒秋): ovvero, l’essiccazione al sole di alcuni prodotti agricoli (in particolare, peperoncini, fiori di colza, mais, soia e crisantemi) che comincia il primo giorno d’autunno del calendario cinese. 


jiangxi-jingdezhen

43

Jingdezhen (景德镇), città del nord della provincia dello Jiangxi, è stata e rimane ancora la capitale mondiale della porcellana. Già sotto la Dinastia Tang, si diceva di Jingdezhen, che la città era invasa da “forni che collegano un villaggio all’altro, stufe accese ovunque”. Sotto la dinastia mongola di Yuan, la prima porcellana bianca e blu, trovata nelle tombe datate dal 1319 al 1336, veniva per la maggior parte da Jingdezhen.


jiangxi-lushan

44

Il parco nazionale del Lushan (庐山第四纪冰川国家地质公园, letteralmente “geoparco nazionale della glaciazione quaternaria del Lushan”) è un parco nazionale che si trova sul Monte Lushan, nella provincia di Jiangxi, in Cina. Si estende su di una superficie di 500 chilometri quadrati. Nel parco, caratterizzato da splendidi paesaggi e molto frequentato dagli stessi turisti cinesi, si trovano notevoli sollevamenti geologici risalenti all’era Quaternaria; sono inoltre presenti alcuni templi buddhisti e taoisti. Nel 1996 il parco è stato inserito nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.


jiangxi-monte-sanqing

45

Il Monte Sanqing (三清山), o Monte San Qing, è una famosa montagna taoista situata 80 chilometri a nord di Yushan. San Qing significa letteralmente ‘tre diversi’ in cinese, ed indica il fatto che il monte San Qing è formato da tre cime: “monte Yujing”, “monte Yushui” e “monte Yuhua”. Uno slogan cinese “三峰峻拔、如三清列坐其巅” (“tre picchi scoscesi, come i Tre Puri che siedono sulle cime”) spiega perché abbia preso il nome di San Qing. Tra le tre cime, la più alta è Yujing (1.817 metri sul livello del mare). Ospita circa 1000 specie di flora ed 800 tipi di fauna. L’area complessiva è di 2200 kmq. Nel 2008 è stato inserito tra i patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.


jiangxi-monti-jinggang

46

I monti Jinggang (井冈, letteralmente: «montagne dei beni delle vette») si trovano sui monti Luoxiao, in una regione di confine che si estende tra la provincia del Jiangxi e quella dello Hunan in Cina.  I monti Jinggang sono noti per essere il luogo di nascita dell’Esercito Popolare di Liberazione e la “Culla della Rivoluzione Cinese”. Dopo che il Guomintang si rivoltò contro il partito comunista durante il massacro di Shanghai nel 1927, i comunisti divennero clandestini e si rifugiarono nelle campagne. In seguito all’Insurrezione del raccolto d’autunno a Changsha, Mao Zedong condusse i suoi mille uomini rimasti sui monti Jinggang, ove stabilì il suo primo soviet contadino.


jiangxi-wuyuan

47

La contea di Wuyuan (婺源县) nasce nel 740 d.C. in epoca Tang (618-907) ed è famosa in Cina per i suoi splendidi paesaggi di campagna, soprattutto in primavera, quando la colza fiorisce e i campi si colorano di un giallo brillante. Anche l’Autunno regala grandi sorprese, quando i contadini mettono ad asciugare al sole i propri raccolti (vd.Huangling). Ma la contea di Wuyuan è anche la patria di alcune delle architetture antiche meglio conservate in Cina: il cosidetto stile Huizhou¹(徽州), detto anche Hui, di cui la contea rappresenta uno dei cuori pulsanti con i suoi villaggi e le tipiche abitazioni costruite tra il XIV e il XVII secolo dai ricchi mercanti di Huizhou, che reinvestivano i loro guadagni nella costruzioni di sale ancestrali e di grandi case con mura esterne imbiancate a calce, in contrasto cromatico con le tegole scure dei tetti a doppio spiovente e gli interni in legno.


jilin-chagan

48

Il lago Chagan è noto per la sua tradizionale pesca invernale in stile mongolo che risale alla preistoria. Ogni anno si celebra il Festival invernale di pesca per ricordare questa antica tradizione. Il lago è entrato nel Guinness dei primati nel 2008 quando con un’unica rete da pesca si è tirato fuori 168 tonnellate di pesce.


jilin-changbai

49

Il Changbai Shan (长白山地) è una catena montuosa situata nell’Estremo Oriente, che corre lungo il confine settentrionale tra Cina e Corea del Nord fino a giungere con l’estremità nord-orientale a breve distanza dal confine russo. Il massiccio montuoso si estende in direzione NE-SO dalla provincia cinese del Jilin nella Manciuria nord-orientale fino al confine settentrionale della provincia del Liaoning. Il territorio nordcoreano è incluso nelle province di Ryanggang e Chagang e si collega, direttamente a sud, con i Monti Nangnim. Molte vette superano i 2.000 metri di altitudine, e la più alta, il monte Paektu, raggiunge i 2.744 metri. Il Changbai Shan ospita la riserva naturale cinese omonima, istituita nel 1960. Entrata a far parte nel 1979 del programma dell’UNESCO, “Man and Biosphere” (l’uomo e la biosfera») e diventata una delle riserve mondiali della biosfera terrestre (UNESCO, 2008). Nel 1986 è diventata una riserva nazionale.


liaoning-jiumenkou

50

Jiumenkou Great Wall è l’unica sezione della Grande Muraglia (1,7 km) che corre sull’acqua. La sua costruzione risale alla dinastia Qi Settentrionale (550-577), ed è stato ulteriormente ampliato nel 1381 durante la dinastia Ming (1368-1644).


liaoning-mukden

51

Il Palazzo Mukden (盛京宮殿), chiamato anche Shenyang Gugong (瀋陽故宮), è l’antico palazzo imperiale della Dinastia Qing (1616 – 1910). Si trova nel centro della città cinese di Mukden, oggi Shenyang, nella provincia di Liaoning. Il palazzo si estende su di una superficie di circa 70.000 metri quadrati e consta di 70 edifici, a loro volta composti da 300 stanze. Nel 2004 è stato inserito nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, come estensione della Città proibita di Pechino (la denominazione ufficiale dell’UNESCO è “palazzi imperiali delle dinastie Ming e Qing).


liaoning-pianjin

52

La Spiaggia Rossa si trova nella contea di Dawa, a 30 km dalla città di Panjin nella provincia del Liaoning. Il suo incredibile colore è dato da un particolare tipo di alga (la Suaeda salsa) che cresce e si sviluppa nel suolo alcalino-salino. Da verde che è in primavera e in estate, la pianta in autunno assume un colore rubino intenso che sembra ricoprire come un soffice tappeto la sabbia fino al confine con l’acqua, creando un impatto cromatico di grande effetto.


mongolia-interna-badain-jaran

53

E’ chiamato “il deserto dei laghi misteriosi”: piogge quasi assenti ma fonti d’acqua sotterranee provenienti dalla fusione della neve su montagne lontane centinaia di chilometri. Con i suoi oltre 49000 km² di estensione, il deserto di Badain Jaran copre una parte importante della Regione Autonoma cinese della Mongolia Interna e della parte settentrionale della provincia di Gansu. È situato nell’altopiano di Axa, tra i 1200 e 1500 m s.l.m. e viene classificato come una sottosezione del deserto del Gobi. Regno delle dune fisse più alte del mondo (il Bilutu Peak raggiunge i 500 metri) e di oltre 100 laghi il cui livello è rimasto intatto nei secoli.


mongolia-interna-hulunbuir

54

La prateria di Hulunbuir, situata a nord-est della Mongolia interna, offre bellissimi scenari di vaste praterie, foreste, fiumi e laghi dove i pastori mongoli radunano il loro bestiame e le pecore.


mongolia-interna-mausoleo-gengis

55

Il Mausoleo di Gengis Khan (成吉思汗陵) si trova nella città di Ordos e comprende tre edifici che evocano le iurta mongole. In realtà non si conosce il vero luogo della sepoltura del condottiero mongolo, poiché alla sua morte il corpo venne riportato in Mongolia dai migliaia di suoi seguaci. Ogni anno i Mongoli di Darhut, discendenti di Gengis Khan, partecipano alla grande cerimonia di sacrificio agli antenati.


ningxia-108-pagode

56

C’è chi le chiama pagode, chi stupa, chi dagoba. Quello che è certo è che sono 108, disposte su 12 file a formare un perfetto triangolo che domina il Fiume Giallo. 108 come le perline nei rosari per la preghiera buddhista, il numero dei possibili peccati o delle preoccupazioni. Studi recenti hanno collegato questo sito storico alla Dinastia Xia Occidentale che regnò dal 1038 al 1227 nell’impero Xi Xia (detto anche Xia Occidentale o impero tangut, dal nome del popolo che lo componeva).


ningxia-mausoleo-xia

57

La grande necropoli dello Xia occidentale è venuta alla luce agli inizi del XX secolo con gli scavi effettuati nella zona dell’antica capitale, l’odierna Yinchuan, si tratta di un’area di circa 50 kmq che comprende 9 mausolei imperiali e 250 tombe di nobili. Al loro interno sono stati rinvenuti oggetti preziosi, tra cui gioielli in oro e argento, incisioni su bambù, perle e porcellane.


ningxia-shapotou

58

Situata nel punto in cui il Tengger Desert incontra il Fiume Giallo, Shapotou, già famosa a livello mondiale per la sua stazione di ricerca sperimentale che studia la progressione e i metodi di stabilizzazione delle dune, è diventata negli ultimi anni una meta turistica molto rinomata fra i cinesi. Tra le sue principali attrazioni, la scivolata lungo le dune di sabbia da 100 metri di altezza e emozionati esperienze di volo sopra il Huáng Hé.


pechino-badaling

59

Badaling (八达岭) è il sito in cui sorge il tratto più visitato della Grande muraglia cinese, circa 80 chilometri a nordovest di Pechino. La porzione del muro che corre all’interno dell’area fu edificata durante la Dinastia Ming, assieme ad un avamposto militare, a dimostrazione dell’importanza strategica della zona. La porzione della muraglia di Badaling ha subito pesanti restauri e, nel 1957, è stato il primo tratto ad essere aperto ai visitatori.


pechino-tombe-ming

60

Le tombe della dinastia Ming (明朝十三陵, letteralmente “Tredici tombe della dinastia Ming”) si trovano in un sito archeologico situato a circa 50 km a nord di Pechino, nella contea di Changping. Dichiarate Patrimonio mondiale dell’Umanità dall’UNESCO nell’agosto 2003, fanno parte del più generale complesso delle Tombe imperiali delle dinastie Ming e Qing. Il sito fu scelto dal terzo imperatore della dinastia Ming Yongle (1402-1424), che trasferì la capitale della Cina da Nanchino in un luogo a nord-ovest dell’attuale città di Pechino.


pechino

61

Pechino (北京, letteralmente “capitale del nord”) è la capitale della Cina e della municipalità omonima. L’intera municipalità ha dimensioni pari a poco più della metà del Belgio (o per fare un esempio italiano come la regione Lazio). Pechino è la capitale di Stato più popolosa al mondo ed è la terza città del mondo per popolazione. Confina esclusivamente con la provincia dell’Hebei e a sud-est con la municipalità di Tianjin.


qinghai-lago

62

Il lago Qinghai (“lago azzurro”, 青海湖) noto anche come Koko Nor, è un lago della provincia del Qinghai (Cina centro-occidentale). Questo specchio d’acqua, il più grande lago di montagna privo di emissario dell’Asia centrale, è situato in una depressione dei monti Qilian; giace a circa 3200 metri sul livello del mare. La lunghezza del lago è di circa 105 km e la sua larghezza di circa 65 km; la sua superficie è approssimativamente di 6000 km² nelle annate in cui il livello delle acque è particolarmente alto e di circa 4200 km² quando il livello è basso. La massima profondità conosciuta è di circa 38 m.


qinghai-moschea

63

La Moschea di Dongguan (东关清真寺), si trova nella zona urbana di Xining, capitale della provincia del Qinghai. Costruita nel XIV secolo, è una delle più grandi moschee nella regione nord-ovest della Cina. L’architettura della moschea è una fusione di influenze asiatiche, cinesi e dell’Asia centrale con le sue cupole verdi, i cornicioni a pagoda e le arcate a colori vivaci.


qinghai-sanjiangyuan

64

La riserva naturale di Sanjiangyuan, anche chiamata dei “Tre Fiumi” (三江源自然保护区) dal momento che qui vi sono le sorgenti del Fiume Giallo, dello Yangtze e del Mekong. Situata nell’entroterra dell’altopiano Qinghai-Tibet, nel sud della provincia del Qinghai con un’altitudine di oltre 4.000 metri, la riserva si estende su una superficie di circa 150.000 chilometri quadrati. E’ la più grande e più alta zona umida naturale in Cina.


qinghai-taer

65

Disteso lungo il pendio della montagna, il Monastero Ta’er (chiamato anche Kumbum) è un meraviglioso complesso architettonico fondato nel 1583 e costituito da 9.300 strutture, tra cui le sale delle sacre scritture, le sale dei Buddha, le residenze dei lama e le pagode buddiste. E’ considerato, per importanza, come il secondo centro del buddhismo tibetano dopo Lhasa e attualmente vi risiedono 400 monaci dell’ordine dei Gelugpa.


shaanxi-esercito

66

L’esercito di terracotta è uno straordinario insieme di statue (7000 tra soldati, arcieri e cavalli) collocato nel Mausoleo del primo imperatore cinese Qin Shi Huang (260 a.C. – 210 a.C.) a Lintong, 30 km ad est del centro di Xi’an.


shaanxi-monte-hua

67

Il monte Hua o Hua shan è una montagna situata vicino alla città di Huayin, nella provincia di Shaanxi a circa 120 chilometri ad est di Xi’an. Si tratta di una delle cinque grandi Montagne sacre cinesi, ed è da secoli meta di pellegrinaggi. In passato si riteneva avesse tre picchi, ma oggi se ne riconoscono cinque principali, dei quali il più elevato è il picco sud, con 2.154 metri di altitudine. La montagna ha diversi templi religiosi, sia taoisti che buddisti.


shaanxi-xian

68

Xi’an (西安), l’antica Chang’an, è il capoluogo della provincia dello Shaanxi. Conosciuta come una delle più importanti città nella storia cinese, Xi’an è nella lista della quattro grandi capitali antiche della Cina perché fu capitale di ben 13 dinastie, incluse la Zhou, la Qin, la Han e la Tang.Con 3.100 anni di storia alle spalle, Xi’an rappresentava la fine più orientale della Via della Seta.


shandong-residenza-confucio

69

La Residenza di Confucio si trova a Qufu, in quanto città natale del saggio cinese. Dal 1994, fa parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO. insieme al Tempio e al mausoleo.


shandong-taishan

70

Il monte Tai (泰山) è la più importante delle cinque montagne sacre taoiste della Cina, situata nella provincia dello Shandong, a sud della città di Jinan. La vetta del monte Tai raggiunge i 1545 m. Dichiarato patrimonio dell’umanità nel 1987, è il più venerato dei 5 monti sacri cinesi, ricordato come tale da iscrizioni sin dal I secolo. La cima è raggiungibile attraverso una ripida scalinata di pietra che parte dall’omonima città, Tai’an. Dalle pendici alla cima vi sono stati edificati molti templi, la maggior parte dei quali risale alla dinastia Ming. Nei suoi pressi si trova anche il Convento delle sommità animate dei monti, eretto dai Tang nell’VIII secolo.


shanghai

71

Shanghai (上海), situata sul fiume Huangpu presso il delta del Chang Jiang, è la più popolosa città della Cina e una delle città più popolose del mondo, oltre che la seconda municipalità autonoma del Paese dopo Chongqing. In cinese Shànghǎi è abbreviata in Hù (滬T, 沪S) e Shēn (申S); le due sillabe shàng e hǎi significano letteralmente «sul mare» o anche «verso il mare». L’interpretazione è che la città originariamente fosse situata sul mare oppure, secondo i locali, fosse il punto più alto in cui arrivava il mare.


shanxi-pingyao

72

Pingyao era il più importante centro bancario cinese in epoca Ming e Qing. Con la classica pianta a forma di bagua, ha strade dove si affacciano edifici tradizionali, case con cortile interno, templi e oltre 3000 negozi antichi. Un tesoro architettonico che non poteva non diventare Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO (1997).


shanxi-xuankong

73

Il Tempio sospeso o Monastero sospeso o Tempio Xuankong (悬空寺) è un tempio costruito su una rupe a 75 metri di altezza, vicino al Monte Heng nella Contea di Hunyuan, vicino Datong, nella provincia dello Shanxi. Insieme alle Grotte di Yungang è una delle maggiori attrazioni turistiche della zona. Costruito nella prima metà del Primo Millennio deve il suo valore non solo alla posizione ma anche al fatto che è il solo esempio di tempio dove si combinano le tre religioni tradizionali cinesi: Buddismo, Taoismo e Confucianesimo.


shanxi-yungang

74

Le Grotte di Yungang (云冈石窟) sono un antico sistema di caverne che si trova nei pressi di Datong, nella provincia dello Shanxi, in Cina. Esse sono uno dei migliori esempi di architettura scavata nella roccia e dei tre più famosi sistemi di grotte della Cina, insieme alle grotte di Mogao e alle grotte di Longmen. Le grotte vennero scavate principalmente durante la Dinastia Wei, fra il 460 e il 525, e costituiscono un notevole insieme di templi dedicati al Buddhismo. In tutto il complesso si contano 252 caverne e oltre 51.000 statue di Buddha, delle dimensioni più varie. Nel 2001 le grotte di Yungang sono state inserite nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.


sichuan-emei

75

Il monte Emei (峨嵋山, letteralmente Montagna del Sopracciglio Delicato) è una montagna nella provincia del Sichuan. L’Emei è uno dei quattro monti sacri della tradizione cinese, condiviso sia dal buddhismo che dal taoismo.


sichuan-huanglong

76

Huanglong (黃龍) è un’area di interesse storico e paesaggistico che si trova nella Contea di Songpan, nella provincia di Sichuan, in Cina. L’area si trova nella parte meridionale della catena montuosa del Minshan, 150 chilometri a nordovest di Chengdu. Questa zona è famosa per i numerosi laghetti formati da depositi di calcite, per gli ecosistemi delle sue foreste, per i picchi innevati e le cascate che punteggiano il territorio.


sichuan-jiuzhaigou

77

Jiuzhaigou (九寨溝) è una delle riserve più belle di tutta la Cina e si trova nella provincia del Sichuan. È nota per le sue numerose cascate e i laghi, e nel 1992 è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.


sichuan-larung-gar

78

Nella contea di Sêrtar (“Il cavallo d’oro” in tibetano) si trova il più grande istituto buddista tibetano del mondo, il Larung Gar (洛若乡). La maggior parte dei monaci trascorre qui dai sei a tredici anni per completare la propria formazione. La contea si trova a oltre 4.000 metri di altitudine e le temperature invernali di sovente scendono sotto i -25°C.


sichuan-leshan

79

Il Buddha gigante di Leshan (樂山大佛) è la più grande statua di pietra di Buddha del mondo. Essa è scolpita nella roccia nel punto in cui confluiscono i fiumi Minjiang, Dadu e Qingyi, vicino alla città di Leshan, nella parte meridionale della provincia di Sichuan, in Cina.


sichuan-panda

80

A 10 chilometri da Chengdu si trova il Chengdu Research Base of Giant Panda Breeding, un importante centro di allevamento e riproduzione dei Panda giganti, che con analoghi centri della regione ha realizzato quei programmi di successo che hanno consentito ai Panda di non essere più una specie in via di estinzione. In un giardino vasto e ben curato, tra folti canneti di bambù e laghetti, vi sono ampie zone recintate che ospitano quasi duecento esemplari di Panda gigante.


tianjin-huangyaguan

81

Huangyaguan o Huangya Pass (黄崖关) è una piccola sezione della Grande muraglia cinese situato nel nord di Ji County, comune Tianjin, circa 78 miglia (126 km) a nord di urbano città di Tianjin. Il sito si trova su un costone di montagna ripida e brusco. Huangyaguan è stato originariamente costruito oltre 1400 anni fa, durante la dinastia Qi del Nord e rinforzata con pareti in mattoni durante la dinastia Ming. Nel 1984, importanti lavori di riparazione è stata eseguita su oltre 3 chilometri del muro anche su 20 torri d’acqua e 1 pass acqua. Il passaggio è una grande attrazione turistica all’interno di Tianjin ed è stato elencato come luogo di protezione reliquie nel 1986.


tibet-everest

82

Il campo base dell’Everest (5.200 metri slm) è situato ai piedi del ghiacciaio di Rongbuk, ed è raggiungibile, con veicoli fuoristrada, tramite una strada di circa 100 km che parte a sud dalla Friendship Highway ne pressi di Shelkar, arrivati al villaggio di Tingri, la strada diventa una pista che attraversa la Riserva naturale del Qomolangma e passa per il monastero di Rongbuk (ritenuto il luogo abitato permanentemente, più alto al mondo – 4.980 m.). Il campo base è diviso in due parti. La prima che si trova più in alto, è il campo base propriamente detto. La seconda parte è la sola accessibile ai turisti. È situata sugli ultimi metri della pista che porta al campo base alpinistico.


tibet-namtso

83

Senz’altro uno dei luoghi più magici del Pianeta: il Lago Namtso (Lago Celeste), il lago di acqua salata più alto al mondo e il lago di acqua salata più grande del Tibet, si trova 260 Km a nord di Lasa, a 4.718 metri d’altitudine. E’ uno dei 9 laghi sacri per i tibetani e per raggiungerlo bisogna oltrepassare un valico che si trova oltre i 5.300 metri.


tibet-palazzo-potala

84

Il palazzo del Potala si trova a Lhasa, capitale del Tibet. Prende il nome dal Monte Potala, la dimora di Avalokitesvara.Il palazzo del Potala fu la residenza principale del Dalai Lama. Attualmente il Palazzo del Potala è stato convertito in museo dal governo cinese. L’edificio misura 400 metri sul lato est-ovest e 350 metri su quello nord-sud, con pietre inclinate spesse 3 metri (5 metri alla base), con rame fuso attorno alle fondamenta per aiutare a proteggerlo dai terremoti. I tredici piani dell’edificio (contenente oltre 1000 stanze, 10.000 reliquiari e circa 200.000 statue) si alzano per 117 metri sulla cima del Marpo Ri, la “Collina Rossa”, con un’altezza totale di oltre 300 metri dal fondo della valle. Secondo la tradizione le tre principali cime di Lhasa rappresentano i “Tre Protettori del Tibet”.


xinjiang-contea-turpan

85

Nella contea di Turpan, si trovano due delle attrazioni più interessanti: la Grape Valley e le Flaming Mountain. Situata 10 chilometri a est di Turpan, la Grape Valley è una distesa di vigneti lunga 8 chilometri e larga 500 metri. Ha una produzione annua di 6000 tonnellate, che comprende una dozzina di qualità d’uva. La zona si presta a piacevoli soste durante la stagione estiva. Collocate a nord del bacino di Turpan, le Flaming Mountain si estendono per 1000 chilometri raggiungendo un’altezza di 831 metri. Vengono considerate il punto più caldo della Cina e assumono sfumature rossicce in alcune ore del giorno.


xinjiang-foresta-mori

86

La foresta dei pioppi del deserto di Mori(木垒胡杨林景区), situata nell’estremo sud del bacino della Zungaria, occupa un’area di 35 kmq e ospita una rara specie di pioppi a foglia diversiforme antichi in media 200-400 anni. In tutto si contano circa 300mila esemplari, tra cui uno con un diametro di 3,1 metri, risalente a oltre 1000 anni fa.


xinjiang-koktokay

87

Collocato nella catena dei monti Altai, il Koktokay Scenic Spot (可可托海景区) è consigliato per gli amanti del trekking, della fotografia e delle spedizioni scientifiche. Il sito ospita la fossa mineraria più grande al mondo (con 84 tipi diversi di minerali) ed è ripartito in quattro aree principali:  l’Irtysh Grand Canyon, il Cocoa Sullivan Lake, l’Ilaymu Lake e la Kalaxianger Earthquake Fault Zone. Dalle montagne circostanti nasce l’Irtysh River, l’unico fiume cinese a sfociare nell’oceano Artico.


xinjiang-tianshan-grand-canyon

88

Il Tianshan Grand Canyon (天山大峡谷) o Keziliya Grand Canyon (克孜利亚大峡谷) è un corridoio lungo 5,5 chilometri scavato nella montagna Tianshan dal vento e dalla pioggia, a una profondità media di 1.600 metri. Data la varietà cromatica e morfologica, spesso il canyon viene ricordato piuttosto con il nome di “Keziliya”, ovvero “rupe rossa” in uiguro.


yunnan-dali

89

Le Tre pagode (San Ta  崇圣寺三塔), simboli della città di Dali, appartenevano al tempio di Chongsheng, che fu distrutto in occasione di una rivolta musulmana, alla fine del XIX sec. I tre edifici sono oggi nel cuore di un grande parco a 20 minuti a piedi dal centro città. La pagoda Qianxun (16 piani, 70 metri) è la più alta e fu eretta nell’836, epoca in cui i sovrani del Nanzhao adottarono il buddhismo del Grande Veicolo (Mahayana).


yunnan-foresta-pietra

90

La foresta di pietra o Shilin (石林) è un importante raggruppamento di formazioni calcaree situate nella contea autonoma di Shilin Yi, provincia dello Yunnan, vicino Shilin e a circa 120 km dal capoluogo Kunming. Le rocce alte sembrano uscire dalla terra come degli stalagmiti, con molti che sembrano alberi pietrificati, creando così l’illusione di una foresta di pietra. Dal 2007, due parti del sito, la Naigu Stone Forest (乃 古 石林) e il Suogeyi Village (所 各 邑 村), sono state proclamate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO come parte del South China Karst.


yunnan-gola-salto-tigre

91

Una delle più profonde gole del mondo, formata dal fiume Yangtze. Il canyon si trova 60 km circa a nord della città di Lijiang. Il fiume forma una serie di rapide in questo tratto compreso tra il Monte Yùlóng Shān” (letteralmente “Il Drago di Giada” 玉龙雪山 – 5,596 metri) e il monte Haba Xueshan ( 哈巴雪山 5,396 metri). Secondo la leggenda una tigre, per sfuggire ad un cacciatore, fece un balzo da una parete all’altra nel punto più stretto del canyon (25 metri).


yunnan-lijiang

92

Lijiang (丽江市) è una città-prefettura che si trova nella provincia dello Yunnan. Il nome originale dell’antica città di Lijiang è Dayan (大研古镇). A seguito delle riforme amministrative del governo cinese di fine XX secolo, il territorio municipale è stato esteso ai confini dell’intera prefettura, che comprendono principalmente aree rurali. La storia, l’architettura e la cultura di Lijiang differiscono notevolmente da quelle delle altre città cinesi, principalmente per la presenza della popolazione Naxi.


yunnan-shangri-la

93

Il luogo geografico più simile al luogo immaginario descritto nel romanzo Orizzonte perduto (1933) e che probabilmente ha ispirato lo scrittore James Hilton è il territorio di Diqing (迪庆藏族自治州) dove, nel 2001, il governo cinese allo scopo di incentivare il turismo ha ribattezzato la contea di Zhongdian con il nome di Shangri-La. Nelle vicinanze sorge il monastero di Hong Po Si, dove vivono una sessantina di monaci e cinque lama tibetani.


yunnan-yuanyang

94

La contea di Yuanyang (元阳县) è nota per i suoi meravigliosi campi di riso terrazzati che scendono dai pendii dei Monti Ailao fino alle rive del Fiume Rosso. Costruiti 1300 anni fa a mani nude dalla minoranza etnica degli Hani (哈尼族), abitanti originari di questa regione, sono ancora in uso al giorno d’oggi. Il lavoro dei coltivatori Hani ha disegnato il paesaggio, creando straordinarie forme geometriche e scenari spettacolari, specchi d’acqua e terrazze sospese. Gli Hani hanno sviluppato nel corso di 1300 anni un complesso sistema di canali per portare l’acqua dalle cime delle montagne boscose fino ai campi terrazzati, creando anche un sistema di agricoltura integrata che coinvolge bufali indiani, bovini, anatre, carpe e anguille e sostiene la produzione di riso rosso, coltura principale della zona. Le risaie terrazzate Honghe Hani sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2013.


 

zhejiang-lago-mille-isole

95

Il Lago Qiandao, chiamato anche il Lago delle Mille Isole (in realtà 1.078). Questo lago artificiale creato nel 1959 con il completamento della centrale idroelettrica Xin’anjiang, nasconde due piccole “Atlantide”, Hecheng e Shicheng, ancora perfettamente conservate.


zhejiang-lago-occidentale

96

Il Lago Occidentale è considerato un prototipo di bellezza paesaggistica ed è citato in innumerevoli testi di poeti cinesi. La leggenda narra che sia stato generato dalla caduta di una perla della via lattea. È poco profondo, in media 1,8 m, ha un perimetro di circa 12 km ed un’estensione di 5,6 km². Il lago è suddiviso in tre porzioni da due dighe che servono a regolare l’afflusso delle acque provenienti dalle colline circostanti: la diga a nord si chiama Baidi, che parte dalla riva di nord-est e arriva sull’Isola Gushan, mentre quella ad ovest si chiama Sudi e divide il lago da nord a sud.


zhejiang-monte-putuo

97

Il Monte Putuo (普陀山 Putuoshan) si trova su un’isola a sud est di Shanghai nel Mar Cinese orientale, nella prefettura di Zhoushan. Il Monte Putuo è considerato il Bodhimanda (la residenza) di Avalokitesvara, nella sua versione femminile di Guan Yin, ed è una delle quattro montagne sacre del Buddismo cinese, insieme a Wutai, Emei e Jiuhua.


zhejiang-wuzhen

98

Situata nel centro delle sei antiche città a sud del fiume Yangtze, che con i suoi canali crea una rete idrica perfetta nel sud della Cina, Wuzhen racconta la sua storia di oltre 1200 anni attraverso i suoi ponti di pietra antichi, percorsi in pietra e sculture in legno.


zhejiang-xitang

99

Conosciuta come una delle sei più antiche città del sud della Cina, Xitang si trova nella contea di Jiashan, a circa 90 chilometri da Shanghai e a 110 chilometri da Hangzhou. E’ una delle più celebri città sull’acqua dello Zhejiang.


zhejiang-yandang

100 

E’ una delle montagne (1.150 metri slm) più famose in Cina: un’area di 45 kmq con pendii lussureggianti, monasteri e le cascate della Piscina del Grande Drago, le più alte del paese con i loro 190 metri.




Booking.com